In Siria i bambini credono che la guerra faccia parte della vita normale. Il modo migliore per spiegargli che si tratta di uno stato delle cose temporaneo e che non sarà sempre così sono i disegni. Come quelli di Nadine Kaadan, 28 anni, nata a Parigi da genitori siriani e cresciuta a Damasco, che illustra ai più piccoli il conflitto in corso da ormai due anni nella sua terra.

Per farlo non disegna armi, carri armati o scontri. “Li aiuto a rendersi conto della tragedia che vivono attraverso scene che possano descrivere il loro stato d’animo con colori cupi e scuri, così sono più sincera – spiega Kaadan – A loro manca tutto: cibo, corrente elettrica, giochi, svago e a scuola ormai non ci vanno da un anno”.

Alla fine della storia la mamma, dopo aver raccontato al figlio cos’è la guerra, gli insegna a disegnare una città fatta di case senza buchi nei muri, alberi, palazzi, parchi e i disegni vengono appesi sulla parete di una stanza perché la mente del bambino evada in una dimensione lontana dal terrore.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le redente di Villa Certosa: le Papi-girl mettono la testa a posto

next
Articolo Successivo

Non solo femminicidio: il patriarcato e il corpo di una bambina

next