In Siria i bambini credono che la guerra faccia parte della vita normale. Il modo migliore per spiegargli che si tratta di uno stato delle cose temporaneo e che non sarà sempre così sono i disegni. Come quelli di Nadine Kaadan, 28 anni, nata a Parigi da genitori siriani e cresciuta a Damasco, che illustra ai più piccoli il conflitto in corso da ormai due anni nella sua terra.

Per farlo non disegna armi, carri armati o scontri. “Li aiuto a rendersi conto della tragedia che vivono attraverso scene che possano descrivere il loro stato d’animo con colori cupi e scuri, così sono più sincera – spiega Kaadan – A loro manca tutto: cibo, corrente elettrica, giochi, svago e a scuola ormai non ci vanno da un anno”.

Alla fine della storia la mamma, dopo aver raccontato al figlio cos’è la guerra, gli insegna a disegnare una città fatta di case senza buchi nei muri, alberi, palazzi, parchi e i disegni vengono appesi sulla parete di una stanza perché la mente del bambino evada in una dimensione lontana dal terrore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Le redente di Villa Certosa: le Papi-girl mettono la testa a posto

prev
Articolo Successivo

Non solo femminicidio: il patriarcato e il corpo di una bambina

next