I disturbi mentali e l’abuso di sostanze pesano sulla salute mondiale: infatti, secondo un’analisi senza precedenti condotta dal ‘Global Burden of Disease Study’, malattie mentali e le sostanze d’abuso sono la causa principale di malattia nel mondo e sono responsabili inoltre di più morti e malati di Hiv e tubercolosi.

Pubblicato sulla rivista Lancet, lo studio è stato condotto da Harvey Whiteford della University of Queensland a Brisbane e altri autori che fanno riferimento al gruppo del Global Burden of Disease Study, un lavoro senza eguali che copre 187 paesi, 20 fasce di età e 291 cause di malattia.

Sempre su Lancet è apparsa l’analisi del GBD sull’abuso di droghe: condotta da Louisa Degenhardt della University of New South Wales, a Sidney, l’analisi ha preso in esame quattro categorie di sostanze: anfetamine, cocaina, oppiodi (come l’eroina) e cannabis.

Il GBD 2010 si è concentrato su malattie mentali e sostanze stupefacenti tra gli anni 1990 e 2010. “Lo studio – commenta Graziano Pinna, psichiatra dell’università dell’Illinois a Chicago – evidenzia un aumento dei disturbi mentali dagli anni ’90 a oggi; l’aumento è in parte riferibile all’aumento della popolazione e al suo invecchiamento, ma per quel che concerne l’uso di droghe si registra una crescita al netto di questi fattori”.

E’ emerso in primis che le malattie mentali e l’abuso di sostanze che danno assuefazione sono la prima causa di malattia nel mondo, costituendo un quinto (22,8%) di tutte le malattie non fatali. I disturbi depressivi la fanno da padrone, rappresentando il 40% di tutti i casi di malattia mentale (soprattutto tra i giovanissimi). Seguono l’ansia e i disturbi da abuso di alcol e droghe.

Inoltre malattie mentali e abuso di sostanze, secondo quanto spiegato su un video fornito da Lancet, sono responsabili della perdita di 183 milioni e 900 mila anni di ‘vita vissuta in buona salute’,un parametro che indica gli anni di salute persi per morte prematura o per disabilità conseguente a una malattia. Nel 1990 gli anni persi erano 133 milioni e 600 mila, quindi si registra un aumento del 37,6% al 2010.

Malattie psichiatriche e abuso di sostanze sono anche causa di molti decessi, ma è difficile quantificare il reale impatto in termini di vite umane per un problema di classificazione delle cause del decesso (ad esempio molte morti da avvelenamento sono in realtà dovute a dipendenza da droghe, mentre gran parte dei suicidi sono considerabili conseguenza della malattia mentale).

La diffusione di queste malattie è diversamente distribuita nel mondo, per esempio i disturbi dell’alimentazione sono soprattutto diffusi in Australasia. Inoltre mentre le donne sono soprattutto colpite da disturbi mentali, tra gli uomini sono diffuse le dipendenze di droghe e alcol. L’abuso più diffuso, benché con minore impatto sul fronte della dipendenza, è la cannabis. La dipendenza più forte si ha invece per gli oppiodi, più diffusa in Europa occidentale. La dipendenza da cocaina è invece più diffusa in Usa e America Latina.

“Questi studi – spiega Pinna – sottolineano la necessità a livello mondiale di migliorare il trattamento delle malattie mentali e le misure per la loro prevenzione. Il cambiamento di stile di vita sociale e l’aumentata dipendenza dalle tecnologie, nonché i sempre più elevati livelli di stress potrebbero essere ulteriori fattori che faciliteranno l’insorgenza di malattie psichiatriche nel futuro quali ansia, depressione e il disturbo da stress post-traumatico”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Staminali, “Creato mini cervello”. Aiuterà ricerca su malattie neurologiche

prev
Articolo Successivo

Effetto della crisi economica sul cervello. Lo studio: “Cala il quoziente intellettivo”

next