Una notte gratis in agriturismo. Precisamente, dormi tre e paghi due. È la formula promozionale lanciata da Agriturismi.it, il portale dedicato alle vacanze in agriturismo, che regala un soggiorno ai turisti di fine estate. Un’iniziativa per favorire il turismo anche nei periodi meno battuti dell’anno: l’offerta è infatti valida dal 13 settembre al 13 ottobre 2013. Le strutture aderenti sono più di 170, capitanate da Toscana e Umbria, che sono i territori più ricchi di proposte. Si possono consultare online su Agriturismi.it alla voce “Notte gratis negli agriturismi” verificando le disponibilità regione per regione. Un’idea per accogliere l’autunno con una breve vacanza tra le bellezze della penisola, dal Friuli alla Sicilia, approfittando del 3×2. Oltre alla terza notte in omaggio, viene offerta un’attività gratis, da scegliere tra degustazione di prodotti tipici, escursioni, vendemmia e sedute relax.

Qualche esempio? In provincia di Siena un borgo rurale offre lezioni di equitazione per due persone e la possibilità di immergersi nei vigneti di vino nobile Montepulciano nel cuore della vendemmia. Matera propone un soggiorno culturale, con visita guidata alla Cripta del Peccato Originale risalente all’anno Mille. Il trekking è protagonista ad Avellino, con un itinerario lungo la millenaria via della transumanza. E ancora: laboratori didattici del pane e del gelato a Treviso, tour nelle cantine a Verona, percorsi benessere e sauna a Como, e tecniche indiane di rigenerazione naturale a Catania. Insomma, pronti per partire?

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bolle di verdicchio: sottovalutate?

prev
Articolo Successivo

Miss Chef 2013, a Ischia la gara di cucina per sole donne

next