Conferenza stampa a Milano con Mahmoud el Abiary, uno dei massimi delegati della Fratellanza. L’evento, organizzato dal Comitato Libertà e Democrazia per l’Egitto, ha rappresentato l’occasione per fare il punto sulla guerra civile che infiamma il Paese. L’esponente islamico chiede che la comunità internazionale chiami “le cose con il loro nome”, riconoscendo quindi ”il 3 luglio come il giorno nel quale è avvenuto un colpo di Stato” che ha portato il Paese in “un tunnel”. Rispetto alle richieste internazionali di avviare il prima possibile un processo di pace, El Abiary avanza due richieste come precondizione: che siano definiti “crimini contro l’umanità” gli “attacchi subiti dai civili in Egitto” e che “prosegua il percorso di autodeterminazione” del suo paese. “E’ questo il punto di partenza per la riconciliazione”, ha concluso  di Fabio Abati

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Uk, nuova pista sulla morte di Lady Diana. “Fu un complotto militare”

prev
Articolo Successivo

Egitto, giornalisti nel mirino dei militari e della Fratellanza musulmana

next