Una birra artigianale prodotta in un monastero nei pressi di Palermo: esiste e pare sia così buona da aver suscitato la curiosità degli appassionati e il favore degli esperti. Oltre a detenere un primato importante: è la prima ad essere prodotta nell’isola all’interno di un monastero. Sono i monaci benedettini di San Martino delle Scale, frazione montana di Monreale, in provincia di Palermo, a dedicarsi alla sua preparazione, servendosi delle erbe del giardino, ricco di erbe medicinali e aromatiche.

All’interno della Hora Benedicta Abbey Ale ce ne sono diverse, sapientemente mescolate per ottenere un sapore unico, fra le quali genziana, liquirizia e finocchio. Il resto della ricetta, come prevedibile per una specialità che si rispetti, rimane segreto. Fra le cose conosciute c’è il fatto che nasca dall’utilizzo dell’apparecchiatura presente all’interno dell’abbazia e che questa birra scura dall’aroma intenso goda di buona compagnia. È stata preferita alle sue sorelle, tutte degne di nota e piuttosto simili fra loro, da una giuria composta dai monaci stessi e dai titolari del birrificio Paul Bricius di Vittoria (Ragusa), che commercializza la Hora Benedicta in Sicilia e nel resto d’Italia, mentre la vendita nella città di Palermo è gestita esclusivamente dal monastero.

Nella storia della Hora Benedicta la svolta avviene nel 2011, quando partecipando al concorso “Le birre de Nadal” di Bergamo, inaspettatamente vince il primo premio aggiudicandosi il riconoscimento di migliore creazione artigianale. E quel giudizio viene confermato oggi dalle parole scritte dal gastronomo siciliano Maurizio Artusi: “La Abbey Ale si presenta scura e con intensi profumi di liquirizia, caffè, cacao, con una leggera ferrosità e marcatamente tostata. Al palato risulta pastosa e beverina. Nonostante gli 8 gradi l’alcol è molto ben occultato dalla parte aromatica, aumentando, forse anche troppo, la facilità di beva”.

Per assaggiarla bisogna attendere il prossimo ottobre, quando verrà proposta al grande pubblico, ma in una nuova versione più chiara e ad alta gradazione. Soltanto pochi fortunati hanno gustato il contenuto di una delle duemila bottiglie messe in produzione e giugno e subito andate a ruba.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sagre estive: nel Cilento la festa del fusillo da quasi quarant’anni

next
Articolo Successivo

La “Carovana del gusto” in tour fra i comuni dell’Aspromonte

next