Ieri è stato il primo anniversario dell’insediamento alla presidenza dell’Egitto di Mohamed Morsi. Un anniversario segnato da manifestazioni a suo sostegno ma soprattutto da proteste dalla partecipazione senza precedenti, dalle quali si è levato il grido “irhal” (“vattene”).

Per i diritti umani, si è trattato di un anno nero, da numerosi punti di vista.

Sotto la presidenza Morsi è stata adottata una nuova Costituzione, da cui è stato escluso il divieto di discriminazione per motivi di genere e di razza. Nell’Egitto dei Fratelli musulmani le donne, già poco rappresentate nelle istituzioni e progressivamente espulse dalle piazze a causa di una violenza sessuale ormai epidemica, non paiono meritevoli di tutela costituzionale.

In questi mesi, sono aumentate le limitazioni alla libertà d’espressione, con decine di incriminazioni e processi nei confronti di blogger, comici e “blasfemi”. È stata messa la museruola alle Organizzazioni non governative, attraverso l’adozione di norme vessatorie, raid nelle loro sedi, successivi provvedimenti di chiusura e condanne. 

La violenza contro la comunità musulmana sciita e quella cristiano copta ha raggiunto livelli allarmanti. Le minoranze religiose vivono nella paura.

Poi c’è il filone della mancata discontinuità.

Non è stata avviata la minima riforma degli apparati di sicurezza. Non meraviglia, di conseguenza, che le violente tattiche repressive usate per 30 anni e poi nell’intermezzo del Consiglio supremo delle forze armate, siano state impiegate anche in questi ultimi 12 mesi.

Non è stato preso alcun provvedimento per stroncare la tortura e non è stata posta fine alla pratica, contraria al diritto internazionale, di sottoporre imputati civili ai processi nelle corti marziali.

Un anno di disillusione per le tante persone che in Egitto, nel gennaio 2011, erano scese in piazza per far cadere un regime violento. Un anno di rabbia per chi ha perso la vista, le gambe, le braccia nei giorni della rivoluzione, e di  frustrazione e angoscia per i familiari di chi, per quella rivoluzione abortita, ha perso la vita.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti. Sì, ho accompagnato con gli occhi pullman in partenza

prev
Articolo Successivo

Il mio Pride, in memoria di Kato

next