Nelle scorse settimane Hezbollah ha iniziato a mandare i propri miliziani a combattere accanto alle truppe di Bashar Al Assad in Siria. In pochi giorni i lealisti hanno riconquistato la città di Qursayr. Intanto il nord del Libano accoglie quotidianamente centinaia di rifugiati siriani. Principalmente profughi di guerra, ma anche feriti. Tra questi alcuni sono combattenti dell’Esercito Siriano Libero (Esl). Vengono curati e operati in diverse cliniche private, finanziate da ong e enti caritatevoli, anche religiosi e principalmente di area sunnita, quindi avverse ad Hezbollah. L’ospedale di Dar al Zahraa ha un intero piano dedicato ai feriti siriani, buona parte dei quali sono miliziani dell’Esl. A Tripoli le frizioni tra le varie confessioni dell’islam sono forti, si combattete strada per strada mentre con occhio attento si guarda l’arrivo dei siriani. Si aspettano ancora centinaia di feriti da Qursayr, mentre la linea del fronte si sta spostando ad Aleppo  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Turchia, i manifestanti anti-Erdogan restano a Gezi Park: “Contro ogni ingiustizia”

next
Articolo Successivo

Istanbul, racconti di un figlio turco: studenti Erasmus a Taksim

next