Nuovo blocco del traffico in programma a Milano domenica 9 giugno 2013, per il quarto appuntamento dell’anno con l’inziativa del Comune “domenicAspasso’. Dalle 10 alle 18 è previsto quindi lo stop alla circolazione di auto e moto.

Come di consueto, sono previste deroghe per gli operatori sanitari ed assistenziali in servizio con certificazione, medici e veterinari che si stiano spostando per visite a domicilio e farmacisti con turno di apertura. Le altre deroghe in vigore saranno per i ministri di culto nello svolgimento delle proprie funzioni, i turnisti il cui orario di inizio/fine turno fosse al di fuori dell’orario del divieto e i lavoratori il cui titolare certifichi che la sede di lavoro non è raggiungibile in nessuna altra maniera se non in auto o moto.

Per agevolare gli spostamenti con i mezzi pubblici, Atm potenza il servizio di metropolitane e mezzi di superficie. Inoltre, all’interno della rete urbana è possibile utilizzare per tutto il giorno il biglietto singolo da 1,50 euro o una singola corsa del carnet da 10 viaggi. L’agevolazione fuori Milano, invece, è estesa anche alle linee extraurbane gestite da ATM, compresa la metropolitana (tutti i dettagli sul sito Atm).

Il programma di tutte le iniziative della “domenicAspasso’ è consultabile qui.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sciopero treni 8-9 giugno, sospeso dal sindacato Or.S.A.

prev
Articolo Successivo

Sciopero trasporti 14 giugno 2013: orari e fasce di garanzia

next