Domenica a Bologna si vota per decidere se mantenere i finanziamenti pubblici alle scuole d’infanzia private. Promosso dal comitato Articolo 33, con il sostegno di Sel e Movimento 5 stelle, il referendum è consultivo e non avrà conseguenze immediate per l’amministrazione, ma rappresenta un importante test politico per la giunta guidata dal centrosinistra. E soprattutto per il Pd che si è schierato apertamente contro i referendari, insieme a Pdl, Lega Nord e Curia. A poche ore dall’apertura dei seggi, Uomo da marciapiede’, in trasferta sotto le due torri, ha provato a sondare l’opinione della città, nelle ultime settimane spaccata tra i sostenitori dell’opzione A, per l’abolizione dei fondi alle paritarie, e quelli del B, per il mantenimento del sistema integrato pubblico-privato. Tra i temi toccati, la laicità dello Stato, la missione della scuola pubblica, le divisioni nel centrosinistra. I favorevoli al referendum intendono difendere l’art. 33 della Costituzione, dove si parla di scuola privata “senza oneri per lo Stato”, e vedono nei fondi comunali un privilegio contrario alla centralità della scuola pubblica. Più di un simpatizzante del Pd ammette che non seguirà le indicazioni del partito, per il quale il rischio è di un nuovo cortocircuito dopo l’amaro calice delle “larghe intese” fatto trangugiare a elettori e militanti. Dalla parte opposta si schierano quei bolognesi che non condividono le ragioni della consultazione: sono elettori di destra e di sinistra convinti che, nel particolare contesto di Bologna, le scuole di infanzia private assolvano a servizi di pubblica utilità e che quindi sia sbagliato ingaggiare una contrapposizione ideologica. Alcuni poi si mostrano scettici sull’efficacia dello strumento del referendum consultivo. Del resto il sindaco Virginio Merola ha già messo le mani avanti facendo intendere che l’attuale sistema delle scuole d’infanzia non subirà comunque modifiche dopo il voto.  E voi come la pensate? La scuola privata – a ogni livello e senza eccezioni – deve essere gestita senza oneri per lo Stato? Dite la vostra nei commenti o votando la risposta che vi convince di più   di Piero Ricca, riprese e montaggio di Giulia Zaccariello

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, l’interpretazione da cani per lo spot elettorale del consigliere M5S

prev
Articolo Successivo

Elezioni Roma, De Vito (M5S): “Crediamo nel ballottaggio”

next