E’ ospitato in studio il pentito di mafia, Santino Di Matteo, che prese parte alla strage di Capaci anche se non partecipò all’esecuzione materiale. E’ grazie alla sue rivelazioni che i magistrati hanno compreso molti punti oscuri dell’attentato a Giovanni Falcone. Il collaboratore di giustizia racconta le conseguenze della collaborazione tra pentiti e magistratura. Di Matteo rievoca il suicidio di Antonino Gioè, che scelse di farla finita per paura della sua famiglia. E narra il rapimento di suo figlio, Giuseppe, sequetrato da Brusca, Bagarella e altri mafiosi dopo due mesi dall’inizio dalla sua collaborazione coi giudci. Il pentino, infine, racconta che un telecomando come quello usato per le stragi fu consegnato ai fratelli Graviano

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, la strage di Capaci e il tritolo che arrivò dal mare

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Loris D’Ambrosio a Napolitano: “Caro Presidente ti scrivo”

next