Il direttore di Tv2000, il canale della Cei, Dino Boffo oggi ha dovuto chiedere scusa a Papa Bergoglio. Domenica dopo vicino all’Arco delle Campane, al termine della messa di Pentecoste in Piazza San Pietro, Papa Francesco, imponendo le mani sulla testa di un malato, avrebbe fatto “una preghiera di liberazione dal demonio o un vero e proprio esorcismo“. Così era stata rilanciata dalla tv dei vescovi. Oggi il dietrofront. “Come direttore non posso non rifarmi al patto di trasparenza e fiducia che c’è con i telespettatori – continua Boffo – e ammetto che questo episodio ha creato in me un certo disagio e rammarico, per aver involontariamente determinato la diffusione di una notizia vera, ma vera solo in parte e in parte non vera, perché il Papa non si riconosce nella parola esorcismo”. Poi ha aggiunto: “Non scarico su nessuno, me ne assumo la responsabilità e mi scuso per aver intaccato la verità dei fatti e per le persone coinvolte, in particolare mi scuso con il Santo Padre. Non volevamo caricarlo – continua – di un gesto che non aveva intenzione di compiere. Questo episodio per nulla clamoroso che oggi c’è sui giornali non ci fa fare una egregia figura, ma ci servirà di insegnameno. E non succederà più”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mafia e politica, lo sfogo del prefetto Sodano: “Lo Stato stava dall’altra parte”

next
Articolo Successivo

“Scoprimmo il covo di Provenzano nel 2001, ma ci impedirono di intervenire”

next