Continua il ‘Tutti a casa tour’ di Beppe Grillo (M5S) che ieri sera è intervenuto da Ivrea, la città dell’Olivetti. L’ex comico genovese non utilizza giri di parole e indica subito nell’editore del gruppo Espresso, la causa della recessione della città: “Qui c’erano 70mila dipendenti, 20mila ingegneri poi è arrivato De Benedetti e adesso ne sono rimasti solo 250”. Non mancano le solite stoccate ai media “sono loro che creano l’odio nel paese”, Grillo si riferiva a una sua affermazione in cui aveva definito Papa Francesco un populista: “Il movimento è stato fondato il giorno di San Francesco, siamo francescani come il Papa”  di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Partiti politici con bilanci taroccati? Ecco il “codicillo” che potrebbe salvarli

next
Articolo Successivo

Imu, Renzi: “Cambiale a Berlusconi”. Epifani: “Non è regalo a nessuno”

next