Essere prigionieri del proprio corpo. Sentirsi donna o uomo, ma vivere con un corpo che in ogni istante ti costringe a essere altro. In mezzo a persone che non accettano la tua inquietudine.

Il Fatto del Lunedì racconterà la scelta di chi ha deciso di cambiare sesso: ripercorrerà con un reportage e con le immagini la storia esclusiva di un militare che ha deciso di diventare donna e ha preteso poi di essere reintegrato.

Racconteremo le tante scelte difficili di chi ha rischiato tutto pur di vivere secondo la propria identità. E non sempre ha vinto: c’è chi è stato accettato, ma tanti sono finiti nella solitudine, hanno perso lavoro e amici.

E parleremo delle sentenze rivoluzionarie che in Italia consentono di cambiare sesso senza dover affrontare un’operazione. Perché l’identità sessuale non è tanto quella che ti impone il corpo, ma quella che ti senti nel profondo.

Un’inchiesta sul rapporto con il proprio sesso, ma soprattutto sull’identità di ciascuno di noi. E sui diritti delle persone.

Il terremoto? Da Roma parole e zero euro

È passato un anno dal terremoto dell’Emilia. Al via, come al solito, le commemorazioni. Briglia sciolta per i discorsi ufficiali e la retorica. Ma che cosa è successo davvero? Come per l’Abruzzo, anche l’Emilia nei fatti è stata lasciata sola. I soldi, tante volte promessi, soprattutto a favore di telecamera non si sono ancora visti.

Gli emiliani, con la loro forza, la vivacità e il grande senso civile che li contraddistingue, stanno reagendo, ma questa terra tanto importante per l’economia e la vita dell’Italia rischia di cambiare volto. Così come sono cambiate le abitudini degli abitanti: le piazze dei paesi di sera sono vuote, tutti in casa, o magari nei container, con la paura delle scosse. Sperando che arrivi il sonno.

I nonni tengono alta la bandiera del rock

Arrivano i concerti dell’estate. Prepariamoci a ballare. Ma a salvare il rock è un gruppo di arzilli settantenni: Bob Dylan, Roling Stones, Paul McCartney, Mark Knopfler, Bruce Springsteen.

Gino & Michele raccontano il concerto più grande di sempre.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il Fatto del lunedì: i soldi degli industriali nelle tasche dei partiti

prev
Articolo Successivo

Servizio pubblico, online il censimento per trovare gli ultimi “panda comunisti”

next