Beppe Grillo fa un appello al premier Enrico Letta: “Bene! Bravo! Bis! Ora, signor presidente, firmi un decreto anche per l’abolizione immediata dei rimborsi elettorali e il dimezzamento dello stipendio dei parlamentari”.

Il leader del M5S prosegue poi sul suo blog: “Facciamo un po’ di conti. Il MoVimento 5 Stelle rinuncia a: 42 milioni di euro di rimborsi elettorali rifiutati alle ultime elezioni politiche; 5 milioni di euro l’anno derivanti dal dimezzamento dell’indennità parlamentare; 3,5 milioni di euro l’anno derivanti dalla rinuncia alle spese generali aggiuntive (informatica, telefoni, taxi); 1,6 milioni di euro l’anno derivanti dalla rinuncia all’indennità di fine mandato; 175mila euro l’anno derivanti dalla rinuncia alle indennità di carica dei presidenti, dei vicepresidenti e dei questori e quello che resta della diaria di ogni parlamentare”.

Nel messaggio intitolato #LettaFirmalo, Grillo fa quindi notare che, “se tutti i partiti e i parlamentari facessero lo stesso, si risparmierebbero centinaia di milioni di euro all’anno”. E conclude il post ribadendo il messaggio al presidente del Consiglio: “Prima di lei mi sono rivolto senza esito a Bersani. Lei ha il potere di estendere la buona pratica introdotta dal M5S a tutti i partiti. Lo faccia. Firmi il decreto! L’Italia le sarà grata”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd verso Epifani, segretario di compromesso in un partito balcanizzato

next
Articolo Successivo

Manifestazione Pdl, polemica su Alfano. Letta: “Il Pd sta con i magistrati”

next