Sono stato indeciso se pubblicare o meno questo post. Il rischio è quello di risultare polemico e basta, perché ciò che scrivo può risultare un semplice sfogo per una mancata candidatura. In realtà – onestamente – devo ammettere che, almeno in parte, è così: che male c’é? Sono sincero, le sane competizioni si vivono con la voglia di vincere e non con l’infinita ipocrisia dell’importante è partecipare. Come diceva un giovanissimo Nanni Moretti al suo sfidante Mario Monicelli, che rappresentava nel salotto televisivo di Match (Rai 3, 1977) la politiche des auteurs: “Un regista esordiente deve essere presuntuoso”.

Dicevo, non è tanto per la mancata candidatura tra le opere prime ai David di Donatello del mio personale lavoro che scrivo qui oggi, il nostro è un film minuscolo che ci ha già regalato una marea di soddisfazioni sopra ogni aspettativa. Il vero motivo è che mi sto interrogando… perché la cosa frustrante, che percepisco anche da alcuni post rabbiosi sulla sezione dei cortometraggi, riguarda il panorama giovanile del cinema italiano; di cui sempre ci andiamo lamentando. Il punto è che siamo sempre alle solite logiche italiche. Mi, e vi chiedo: a parte tra i big, in cui devono esserci autori e professionisti di un certo spessore, a cosa servono i debuttanti (questi sconosciuti)? Vi domando: chi devono essere, in linea teorica, le persone che si approcciano per la prima volta al mestiere del cinema? Devono essere registi scafati o di prospettiva?

Rifletto su che futuro può avere il nostro cinema se di scuole di cinema in Italia – praticamente – non ce ne sono. Se di soldi per fare cinema in Italia – senza il praticamente – non ce ne sono. E quando ci sono, spesso e volentieri, avvantaggiano in graduatoria al Ministero chi ha già ottenuto un premio come lo possono essere i David di Donatello stessi. Recentemente è stato scritto un bell’articolo su Lettera 43 a cura di Michele Anselmi che si interrogava se non siano troppi 1.721 giurati per questa manifestazione, di cui (di fatto) 600, più o meno regolarmente, nemmeno votano; anche se ne hanno piena possibilità. Se non vadano riviste alcune dinamiche per non favorire i corporativismi, fidandosi di chi i film se li vede veramente.

Ma davvero Laura Morante, Luigi Lo Cascio o Alessandro Gassman (tutti e 3 candidati alla migliore regia ‘esordiente’) hanno bisogno di vincere un David secondo i 1.721 membri? Perché non si tratta solo di meritare (merito, appunto) un premio, deve esserci pure un pensiero che quel dato riconoscimento agevolerà un debuttante per un’opera seconda. A fronte di giovani autori, sicuramente acerbi, che si sono contraddistinti con interessanti lungometraggi come (solo per citarne alcuni) Comodin, Dipaola, Fuksas? Poi, per favore, non mi additate come rottamatore: la candidatura di Leonardo Di Costanzo con L’intervallo (film molto bello e meritevole) è sacrosanta, ma l’unica trentenne è la Farina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, Casapound con Sel e 5 Stelle: “Vogliamo una scuola pubblica e laica”

next
Articolo Successivo

Consigliere Pd nella bufera: su Facebook posta foto con un poliziotto sodomizzato

next