Il camioncino del gelato sta a New York come il “paninaro” sta a Roma. I venditori ambulanti di cibo Usa, però, si sono evoluti. Dai loro banconi fumanti non escono più solo tacos, ma di tutto e di più, pure qualche specialità: come Kelvin Natural Slush, che fa solo granite fresche, o Wafels & Dinges, dove si possono addentare wafel straripanti di panna e succo d’acero la mattina e ricoperti di pollo fritto la sera. Ma, soprattutto, i “food truck” si sono moltiplicati a dismisura. Se ne incrocia uno a ogni metro quadrato disponibile della City, specialmente nel Midtown in pausa pranzo, dove migliaia di colletti bianchi nine to five si mettono in fila per godersi all’aria aperta porzioni abbondanti di street food a meno di 10 dollari.

Sono così tanti che la municipalità sta addirittura discutendo una proposta di legge per regolamentare il parcheggio di questi mezzi – organizzati nella Nyc Food Truck Association – subissati da multe e da proteste per le soste abusive. «A New York servono due anni di attesa per ottenere un’autorizzazione», ci racconta un imprenditore italiano che vive nella Grande Mela. Quello del “food truck” diffuso è una tendenza importata dalla California, esplosa negli ultimi anni anche dall’altra parte degli Stati Uniti. E ce n’è per tutti i gusti: venditori di fish & chips, yogurt frozen fino ai più svariati burger.

Vanno forte i camioncini per vegani, i taco bite o quelli dove mangiare carne in tutte le salse come Korilla Barbecue. Ma come rintracciare il proprio “truck” di fiducia? Solo seguendolo su Twitter fino a poco tempo fa, adesso direttamente dallo smartphone con un’app: su Tweat.it o Roaming Hunger è possibile localizzare lo street food più vicino in pochi secondi, selezionandolo per categoria. E se il furgoncino si sposta da una zona all’altra della città, i newyorkesi possono dormire sonni tranquilli: ci sono i live update di ogni suo movimento.

di Natascia Gargano

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ricetta, finto formaggio alle erbe

prev
Articolo Successivo

Il bisogno di entusiasmarsi

next