Un’azione a sostegno del pluralismo dei media per presentare “una proposta di legge direttamente alla Commissione europea” volta a sanzionare “i deficit di democrazia e libertà”.  L’Iniziativa Cittadina Europea (promossa da Fnsi, Articolo 21, European Alternatives/Alternative Europee, Libertà e Giustizia, Cgil, Arci, MoveOn Italia, Consiglio Italiano del Movimento Europeo – Cime, Libera Informazione, Caffè News, Associazione da Sud, Cittadinanzattiva, Società Pannunzio, IRPI, Confronti e FCEI) e per la quale è possibile firmare online, vuole difendere la libertà dell’informazione che è “sotto attacco in Europa”. Si tratta di un nuovo strumento di democrazia partecipativa previsto dal Trattato di Lisbona che permette ad un milione di cittadini di almeno 7 Stati Ue di presentare direttamente a Bruxelles una proposta legislativa. Il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz ha già aderito, ma per portarla a Bruxelles sono necessarie, appunto, un milione di firme.

“Fino ad oggi – spiega il comitato promotore – le istituzioni europee sono rimaste immobili di fronte alla continua violazione della libertà d’informazione in diversi paesi, a cominciare da Italia e Ungheria. Con questa iniziativa chiediamo un’Europa che sanzioni non solo i deficit di bilancio, ma anche e soprattutto i deficit di democrazia e libertà”, ha dichiarato Lorenzo Marsili, portavoce europeo dell’iniziativa. Con questa proposta i cittadini europei chiedono in particolare una legislazione efficace per evitare la concentrazione della proprietà dei media e della pubblicità; una garanzia di indipendenza degli organi di controllo rispetto al potere politico.

A questi obiettivi, si aggiungono la definizione del conflitto di interessi per evitare che i magnati dei mezzi di informazione occupino alte cariche politiche e sistemi di monitoraggio europei più chiari per verificare con regolarità lo stato di salute e l’indipendenza dei media negli Stati membri. “La nostra ambizione – ha aggiunto Tana de Zulueta, portavoce italiana dell’iniziativa – è quella di mobilitare i cittadini per rivendicare l’impegno delle istituzioni europee a sostegno dei diritti civili e delle libertà fondamentali, anche quando gli Stati li trascurano, come sempre più sta avvenendo” (tutte le informazioni su mediainitiative.eu).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eni vs Report, la mia controreplica e quella di Milena Gabanelli

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, “Aspettando Grillò”: ospiti Santanchè e Freccero

next