Mammaaaa, noi siamo litaliani non cinesi, velo?”. Dal suo trono sul sellino posteriore della mia bici, Chen Xi, ama introdurre argomenti spinosi come questo, e pretende replica immediata e convincente.

Sì, certo siamo Italiani”, rispondo, sperando che non si vada oltre. Non finisco la frase che ecco parte la freccia.

Mammaaaa, cosa vuol dire essere litaliani?

Hai que dolor! Faccio finta di non aver sentito, e dal momento che sono impegnata in una gincana in bici nel bel mezzo di uno degli incroci più pericolosi del Sud Est asiatico, avrei anche tutti i diritti di non rispondere.

Mammaaaa

Niente, attende spiegazioni argomentate, altrimenti si rischia di entrare nel tunnel del perché e del percome e li mi incarto, di sicuro. Deglutisco, respiro profondamente, raccolgo le idee.

Da dove inizio? Rinascimento, Risorgimento e poi dritti alla Costituente? e la Resistenza dove la mettiamo? I mondiali dell’82, li lascio stare, o no? un veloce accenno a Bologna e Ustica? No, no ragiona – mi dico – non ha ancora sei anni e le “mammemature” mi criticano per questa mania che ho di parlare ai bambini da adulti, dicono che non è per niente moderna, anzi potenzialmente deleteria. Ma anche lui, cosa gli viene in mente, la domanda della scorsa settimana sulle coppie gay a confronto era roba da ridere.

Vuol dire che sei nato in Italia, che non è il tuo caso lo so…”, pessimo inizio non posso che migliorare.

….e che quindi sei cittadino di un paese che si chiama Italia, che è anche gran bel posto e… Direi che potresti anche andarne fiero”. Chioso in maniera patetica. E in più non mi pare di averlo convinto.

Se sei litaliano devi sapere litaliano?

[Nicoletta Ferro nel suo blog Shanghai e altri animali racconta  con una prospettiva dal basso come si nasce, si cresce e si impara a vivere in questa parte di mondo. La prospettiva dal basso è quella di chi non arriva al metro di altezza, ma ha parecchie cose da dire]

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Disoccupati e isolati, in altre parole Snep

prev
Articolo Successivo

Marò, il governo indiano esulta. Il primo ministro Singh: “Dignità tutelata”

next