La notizia dell’elezione di Jorge Mario Bergoglio a nuovo Papa è l’apertura dei siti d’informazione di tutto il mondo. Titoli spesso ripetitivi, segno che anche la stampa straniera è stata presa alla sprovvista. I principali quotidiani argentini, in particolare, celebrano l’elezione del loro connazionale, non nascondendo gli aspetti più controversi del nuovo pontefice. “L’argentino Jorge Bergoglio è il nuovo Papa – titola La Nacion -. Un gesuita in carriera, da rivale a successore di Ratzinger. Nel 2005 fu secondo a Benedetto XVI. Acerrimo oppositore dei matrimoni gay e contro l’aborto”. El Clarin ricorda le tensioni tra Bergoglio e i Kirchner: “Il nuovo Papa è l’argentino Jorge Bergoglio e si chiamerà Francesco I. Mentre veniva annunciato come Papa, Cfk (Cristina Fernandez Kirchener) twittava lamentandosi che i giornali non avevano dato risalto al suo lavoro nella provincia di Neuquen”. Solo alle 21, sottolinea il quotidiano, la presidente ha “rimediato” con un cinguettio di congratulazioni molto formali.

I giornali britannici restano per il momento cauti nei giudizi, con titoli molto simili. La Bbc: “L’argentino Bergoglio eletto Papa”; il Times: “Francesco I d’Argentina è Papa”; il Guardian: “Papa Francesco: un cardinale argentino nominato primo Papa dell’America Latina”; l’Indipendent: “Un nuovo Papa è stato scelto: Jorge Mario Bergoglio. E’ il primo gesuita Papa di tutti i tempi. La sua prima priorità: porre fine e prevenire gli abusi sessuali sui minori”. I principali siti statunitensi pongono l’accento sul fatto che Bergoglio sia il primo Papa sudamericano della storia. La Cnn: “Il nuovo Papa: Francesco I. Primo Papa non europeo dell’era moderna”; l’Abc: “‘Pregate per me’: Papa Francesco saluta Roma e il mondo”; il New York Times: “Il nuovo Papa: Bergoglio d’Argentina. Il primo gesuita. Il primo latino americano e il primo Francesco”; il Los Angeles Times: “Bergoglio diventa Papa Francesco I. Il primo pontefice dalle Americhe e il primo non europeo in oltre un millennio”.

La notizia campeggia anche nelle prime pagine dei giornali tedeschi. La Sueddeutsche Zeitung: “Hebemus Papam: è Jorge Bergoglio, Papa Francesco I”; la Frankfurter Allgemeine Zeitung: “L’argentino Bergoglio è il nuovo Papa Francesco I… Il gesuita silenzioso da Buenos Aires. Al Conclave del 2005 fu il più forte opponente di Joseph Ratzinger”; il Die Welt: “L’argentino Jorge Mario Bergoglio è Francesco I”. In Francia Le Figaro titola: “L’argentino Bergoglio diventa Papa Francesco… è il primo Papa dal continente americano e ha preso il nome di Francesco”; Le Monde: “L’arcivescovo argentino Bergoglio diventa Papa Francesco I. Il primo Papa dalle Americhe e il primo gesuita ad ottenere l’incarico”. Anche i maggiori media spagnoli sottolineano la provenienza del nuovo pontefice. El Pais: “Un Papa argentino”; El Mundo: “Bergoglio sarà Papa Francesco I: il primo Papa latinoamericano”.

L’elezione del Papa ha avuto grande spazio anche su tutti i principali siti dei quotidiani israeliani, così come in tv, dove l’evento di piazza San Pietro è stato in parte seguito in diretta nei telegiornali. Il sito di Haaretz titola con grande evidenza sulla nomina di Bergoglio e sottolinea che è il primo pontefice in 2000 anni di storia a venire dal Nuovo Mondo. Il Jerusualem Post scrive che il Papa “chiede al mondo di pregare nella sua prima benedizione”, mentre Ynet annuncia semplicemente che “Francesco I diventa il nuovo papa”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Papa Francesco, la Cei nel primo comunicato: “Auguri al pontefice Scola”

next
Articolo Successivo

Il nuovo papa Bergoglio: la dittatura argentina e le ombre sul passato

next