Un nuovo modo per programmare i propri spostamenti, rendendoli un’esperienza sempre più sociale. È l’opportunità offerta da Zucano, una piattaforma online per la condivisione delle informazioni di viaggio, disponibile in Rete dallo scorso 14 febbraio e che in breve tempo ha catalizzato l’attenzione dei cosiddetti “social traveller”, con più di 3.500 like sulla sua pagina Facebook e già oltre 6mila utenti da tutto il mondo. Uno strumento con molti possibili utilizzi, che si diramano a partire da una funzione primaria: «Il primo scopo – spiega Marco Turchini, 30enne fiorentino, CEO e tra i creatori di Zucano – è quello di permettere alle altre persone della community di conoscere in anticipo i propri programmi di viaggio, in modo da poter eventualmente organizzarsi per intraprenderli insieme». Un progetto pensato innanzitutto per i viaggiatori abituali, i primis i pendolari, una sorta di “comunità naturale” che già si tiene in contatto tramite mailing list o social network, e nato anche per venire incontro alla crescita di un fenomeno sempre più evidente: «Con l’abbassamento dei costi le persone viaggiano più frequentemente e si va affermando un modello di tipo anglosassone, con più spostamenti per periodi brevi piuttosto che pochi soggiorni lunghi».

Le possibilità offerte da Zucano rispondono a numerosi bisogni: dai più semplici, come scegliersi il proprio vicino di posto evitando bambini urlanti e rumorosissime famigliole in gita, al condividere due chiacchiere davanti a un caffè o il taxi una volta arrivati, fino al decidere di organizzare un vero e proprio viaggio in compagnia. E uno dei “pretesti” per la creazione della piattaforma è stato proprio un episodio che mette in evidenza le dinamiche sociali innescate dai piccoli spostamenti giornalieri: «Qualche anno fa, quando dopo essermi laureato trovai lavoro a Milano, andavo in ufficio tutti i giorni in tram – racconta Turchini – lì incontravo sempre una ragazza con la quale ci scambiavamo degli sguardi imbarazzati senza mai trovare il coraggio di parlarci. Solo dopo due mesi e mezzo riuscii a rivolgerle la parola e lei mi disse semplicemente “be, finalmente ce l’abbiamo fatta”. Oggi è la mia fidanzata». Una vicenda personale che ha ispirato una scelta imprenditoriale caratterizzata da una grande semplicità di funzionamento. Il servizio è infatti completamente gratuito e per accedervi basta registrarsi facendo riferimento a un social network: «Così si entra a far parte della community e si può aderire alle esperienze di viaggio già create dagli altri membri oppure crearne una propria (inserendo destinazione, mezzo di trasporto, data e ora) che si può decidere di condividere con tutti o solamente con un proprio network specifico».

La gestione di Zucano è affidata a una start-up formata da un gruppo di giovani amici che, dopo aver sviluppato il progetto, ora si occupa di tutti gli aspetti, dallo sviluppo a quello commerciale: «Abbiamo anche una sezione business nella quale offriamo ad aziende, come compagnie aree e ferroviarie, di integrare la nostra piattaforma nei loro portali. Da questo punto di vista abbiamo ottenuto molti riscontri positivi, soprattutto dal Medio Oriente e da altri Paesi asiatici». Il primo passo verso un futuro il cui obiettivo è quello della gestione dell’intera esperienza del viaggio nel suo complesso: «Vogliamo arrivare ad offrire la possibilità di organizzare direttamente su Zucano tutti gli aspetti “prenotabili”, dal posto su treni, aerei o navi, alla scelta dell’albergo fino all’acquisto di biglietti per eventi ai quali si vuole assistere una volta arrivati a destinazione. Così, facendo pagare ai provider di questi servizi una commissione su tali operazioni, potremo mantenere il tutto gratuito per gli utenti».

di Paolo Scandale

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La ricetta di Alessia Vicari: la diplomazia della crostata alla crema

prev
Articolo Successivo

Paradosso in salsa sarda: nei bar niente prodotti tipici

next