Sia Bersani che Berlusconi sono uomini falliti, sono lì da 25-30 anni e hanno portato questo Paese alla catastrofe”. E’ il commento a caldo che Beppe Grillo, in collegamento telefonico con la diretta trasmessa sul suo blog, rilascia sui primi risultati elettorali. “E’ fantastica quest’avventura” – esordisce il capo carismatico del Movimento 5 Stelle – “Innanzitutto voglio ringraziare quei ragazzi straordinari che ci facevano trovare il palco, ci hanno ospitato a casa, ci hanno aiutato col camper. Ecco la diversità tra questo movimento e “the others”, che sono pagati, portati coi pullman. Da noi è tutto volontariato“. E aggiunge: “I partiti sono finiti, e lo sanno. Non hanno tenuto conto che questa è una guerra generazionale e queste sono solo le prove generali“. Beppe Grillo lancia un’accusa feroce contro gli elettori del Pdl e gli astenuti: “Riconsegnare ancora il Paese a Berlusconi, il Mastrolindo che ha contribuito ad affossare l’Italia, per sei mesi o un anno è veramente un crimine contro l’intera galassia. Bisognerà fare i conti” – continua – “con i 20 milioni di italiani che non hanno votato, con quelli ai quali non è stato toccato lo stipendio e che hanno galleggiato sulla crisi. A loro va bene immobilizzare il Paese. Ma durerà poco questa situazione”. Il comico genovese è un fiume in piena. “Mi sono chiesto dove ci collocheranno in Parlamento” – afferma – “Spero dietro ognuno di loro. Faranno sicuramente un governissimo Pd-Pdl” – prosegue – “e noi saremo per loro il vero ostacolo. Ma si mettano il cuore in pace: potranno andare avanti ancora sette, otto mesi ma la battaglia sarà molto dura per loro”. E sottolinea con forza: “Non pensino di fare inciucietti o inciucini con noi. Siamo una forza straordinaria e faremo tutto quello che abbiamo detto in campagna elettorale nel nostro programma”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Romano: “Non si può tornare al voto, ci vorrà tanta fantasia per formare il governo”

next
Articolo Successivo

Cicchitto e Capezzone VS Berlinguer: “Stavate stappando lo champagne per il Pd”

next