“Il voto al Movimento 5 Stelle non è un voto di protesta, ma un voto di proposta“. E’ il commento polemico che fa Giancarlo Cancelleri, consigliere regionale del M5S in Sicilia, durante lo Speciale Elezioni 2013 del TgLa7. “Io direi che dovreste cominciare a dire che è un voto basato su un programma ben preciso e non che è figlio di una protesta” – continua, rivolgendosi al conduttore Enrico Mentana e agli ospiti in studio, tra i quali spicca Gad Lerner. Mentana replica dando ragione al politico e aggiunge: “Quasi tutti i commentatori del mondo dell’informazione non votano, nè conoscono il Movimento 5 Stelle. E’ una cosa che mi renderà sommamente impopolare tra i miei colleghi, ma l’informazione italiana è fatta quasi tutta da persone che votano centrodestra, centrosinistra o centro”. Il direttore del Tgla7 azzarda, infine, un parallelismo tra il Movimento 5 Stelle e la Lega Nord

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caos elezioni politiche, segui la diretta streaming del Fatto Tv

prev
Articolo Successivo

Elezioni 2013, sorpresi dall’esito, al Pdl sistemano il quartier generale

next