Il leader di ‘Fare per fermare il declino’ lo ha gridato dal palco dell’anti-meeting di Milano 9 giorni fa: “Chi è contro il merito avrà una voce che gli dirà ‘Taci Miserabile'”. L’invettiva partiva dal racconto del giornalista su un candidato, un docente universitario associato, che sarebbe stato costretto a ritirarsi dopo le “pressioni” fattegli dal rettore del suo stesso ateneo. “Nella lista di Monti si è candidato il Magnifico Rettore che mi ha convocato e – racconta dal palco Giannino – mi ha detto chiaramente che se voglio avere anche una sola possibilità di diventare ordinario è bene che ritiri immediatamente la mia candidatura”. Poi aggiunge tuonando: “Ebbene quando quel barone in Parlamento oserà prendere la parola, sappia che ci sarà sempre chi lo zittirà” (tratto dal canale youtube Imollea)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’Italia è malata. Ma chi sarà il dottore?

prev
Articolo Successivo

Palermo, Fini in via d’Amelio criticato da un’attivista: “Non si viene sotto elezioni”

next