Era consuetudine , per noi palermitani , incontrare Giovanni Falcone a Palermo. Sempre sorridente e velocissimo. L ‘ ultima volta che l’ ho, incontrato è stato un sabato pomeriggio, forse un anno prima dell’ attentato, non ricordo bene, al cinema Jolly dove veniva proiettato un film di Woody Allen. Non ricordo il titolo del film , ma solo che era in bianco e nero, con scene che si svolgevano nelle tenebre.

Un film sicuramente poco comico , direi affatto, il cui messaggio era inquietante. Ero molto contenta del fatto che Falcone, in quella occasione accompagnato solo dalla scorta, apprezzasse i film del mio regista preferito. Alla luce dei tragici accadimenti , ho spesso” riletto” quell’incontro come un triste presentimento riguardo un futuro ” tenebroso” , come il film del grande Woody.

Marcella Rao

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gli Invisibili, il documentario di Arianna

prev
Articolo Successivo

Generazione ’92: quell’anno smettemmo di essere bambini

next