L’asse tra Bersani e Vendola è saldo, ma un apertura a Monti è possibile dopo il voto, per far fronte comune contro i populismi di Grillo e Berlusconi. Lo sostengono sia il vicesegretario del Pd Enrico Letta che Massimo Mucchetti, ex vicedirettore del Corriere della Sera e capolista del Pd al Senato in Lombardia. “Confermiamo l’asse tra Bersani e
 Vendola sul quale si basa la nostra coalizione e il nostro patto
con gli elettori, e anche dopo il voto saremo coerenti con questo”, garantisce Letta a Milano per il Forum economico del Pd lombardo. Su un eventuale accordo futuro con i montiani – spiega Letta – decideranno insieme Bersani e Vendola. In ogni caso “un allargamento è nella logica delle cose, perché abbiamo di fronte i populismi di Grillo e Berlusconi, che sono populismi molto aggressivi rispetto ai quali dobbiamo fare fronte comune”. Simili le parole di Mucchetti: “Fin dall’origine – spiega – Bersani ha detto che non ci sarà un’idea di governo settaria e chiusa, ma un’idea di governo aperta al contributo di tutte le forze non populiste”   di Luigi Franco

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Berlusconi: “Con noi conti in ordine. Dai tecnici mistificazioni e panzane”

prev
Articolo Successivo

D’Alema: “Monti in Europa? Poco influente”. E su Grillo mette in guardia il Paese

next