La Regione Emilia Romagna dichiara guerra all’ascensore e per convincere i cittadini a scegliere i gradini non bada a spese, lanciando una campagna informativa da 40 mila euro. Totem, locandine, depliant distribuiti negli uffici pubblici di tutta la regione, che invitano a salire “90 gradini al giorno, anche facendo qualche rampa alla volta”. Il tutto messo a punto in circa sei mesi da una squadra di personale sanitario, per una somma a quattro zeri, non proprio modesta in tempi di austerity.

Annunciata quest’estate con una circolare inviata a tutti i direttori delle asl distribuite in Emilia Romagna, ma avviata solo oggi, l’iniziativa si chiama Le scale. Musica per la tua salute, e fa parte del piano regionale di promozione della attività fisica e di quello della prevenzione. L’obiettivo è quelli di diffondere un principio noto a tutti (o quasi). Ossia che fare le scale fa bene alla salute, previene malattie cardiovascolari e metaboliche e, come tutte le attività fisiche, favorisce la perdita di peso e il consumo di calorie. In altre parole, si vuole a incoraggiare i cittadini ad adottare buone abitudini. Proprio come aveva già fatto in passato la provincia di Cesena, con il motto “Sali le scale, e sale la salute”, e molte altre città d’Italia, da Pesaro a Brescia.

Ad agosto, però, invece di riciclare vecchi slogan, la Regione ha preferito partire da zero. E ha stanziato un budget da 40 mila euro per mettere a punto una nuova campagna, attraverso questionari, rilevazioni e tavoli di coordinamento. Il risultato è un’illustrazione realizzata del disegnatore Ro Mercenaro, con un pentagramma al posto delle note e persone grandi e piccole che salgono, a significare come le scale siano “musica” per la salute. Un’immagine sempre associata allo slogan.  “Nelle locandine e nei depliant – fa sapere la Regione – saranno spiegati  i vantaggi di questa semplice attività”. La formula è quella dello spelling: “S come Salute, C come Calorie, A come Autostima, L come Longevità , E come efficienza”.

I totem, realizzati in cartone con una tasca per contenere depliant, “saranno posizionati nei luoghi dove si può scegliere se prendere l’ascensore o salire le scale, o comunque in prossimità delle scale. Mentre i depliant illustrativi, oltre che nelle tasche dei totem, “saranno a disposizione nelle portinerie, negli uffici relazioni con il pubblico e nei luoghi frequentati dai cittadini”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Aldrovandi, carcere per tre dei quattro agenti condannati

prev
Articolo Successivo

Lettera ad Ingroia su reato di tortura, carceri e forze dell’ordine

next