Napoli, un pomeriggio di ordinaria follia. Dopo la notizia della presunta sparizione delle liste della Campania, una cinquantina di esponenti del Pdl si sono riuniti in fretta e furia all’hotel Terminus, dove hanno dovuto di nuovo preparare la documentazione per la candidatura. Il tutto tra la sorpresa per la situazione del tutto inaspettata e la paura di non riuscire a preparare tutti i documenti in tempo utile. Poco dopo le 20, però, Nitto Palma, commissario regionale in Campania, rassicurava tutti all’uscita del Palazzo di Giustizia di Napoli, dove aveva appena presentato le candidature: “Ho telefonato all’onorevole Cosentino e non l’ho rintracciato. Conseguentemente, per questioni prudenziali abbiamo provveduto a una ripetizione della documentazione. Alle 16 ero a Caserta e Cosentino mi ha consegnato la documentazione. Era dispiaciuto, ma è un uomo intelligente ha compreso la situazione”, ha dichiarato ai cronisti prima di lanciare una stoccata ai democratici: “Mi permetto di ricordarvi che una analoga posizione non è stata assunta dal Pd, che candida come capolista a Campania 2 una persona (il riferimento è a Rosaria Capacchione, ndr) che secondo quello che leggo sui giornali è sottoposta a procedimento penale per calunnia nei confronti di un sottufficiale della Guardia di Finanza. Da una parte vi è la concretezza dei fatti, dall’altra, penso al Pd, c’è solo chiacchiere e distintivo”  di Andrea Postiglione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

FattoTv, Di Pietro: “Patrimonio finanziario dell’Idv confluirà in Rivoluzione civile”

next
Articolo Successivo

Cosentino, conferenza con rissa. Lui: “Tutte queste foto per un impresentabile?”

next