Oscar, Lincoln di Spielberg fa il pieno (12 candidature), ma la sorpresa è un’altra: Amour di Michael Haneke centra 5 nomination, tra cui miglior film e regia. Eccezion fatta per il muto The Artist vittorioso l’anno scorso, bisogna tornare a La vita è bella di Roberto Benigni del ’99 per trovare un film non in lingua inglese capace di tanto. Dopo la Palma d’Oro, l’Efa, il riconoscimento dei critici statunitensi e mille altri, un exploit che rilancia le magnifiche sorti del cinema d’autore europeo: nella categoria miglior film straniero, c’è questa coproduzione d’essai Austria-Germania-Francia, ma significativamente marca visita la commedia “blockbuster” transalpina Quasi amici.

E non è finita per il superbo dramma geriatrico del regista austriaco trapiantato a Parigi: la splendida Emmanuelle Riva è la più anziana attrice nominata miglior protagonista e il 24 febbraio alla cerimonia degli 85esimi Academy Awards potrebbe festeggiare l’86° compleanno con la statuetta. In cinquina finisce anche la più giovane di sempre: la straordinaria Quvenzhané Wallis, 9 anni, protagonista della rivelazione indie Beasts of the Southern Wild, opera prima del trentenne Benh Zeitlin (in Italia il 7 febbraio, titolo Re della terra selvaggia).

Costato solo 1.800.000 dollari, il pluripremiato fantasy animista conquista anche le nomination per film, regia e sceneggiatura non originale: complimenti. Fa meglio di Les Misérables di Tom Hooper (8 candidature), Argo di Ben Affleck (7), Django Unchained di Quentin Tarantino (5) e Zero Dark Thirty di Kathryn Bigelow (5) che mancano la nomination per la regia.

Dietro la macchina da presa gli sconfitti sono loro, mentre la doppietta film-regia riesce anche al dramedy di David O. Russell Silver Linings Playbook (Il lato positivo), lo strafavorito dei bookmaker Lincoln e Vita di Pi del taiwanese Ang Lee, che tallona Spielberg con 11 nomination. Sintomaticamente, in pole-position troviamo due coproduzioni dal sapore geopolitico: Lincoln è co-finanziato dall’India, Vita di Pi dalla Cina. Del resto, gli Academy Awards sono riconoscimenti dell’industria hollywoodiana: un occhio è sempre al proprio portafogli , l’altro guarda quello degli altri. Sul fronte attoriale, incrociano i guantoni il 16° presidente Usa Daniel Day Lewis, il canterino Hugh Jackman (Les Miz), il balordo Joaquin Phoenix (The Master), il pilota ubriacone Denzel Washington (Flight) e Bradley Cooper (Silver…), mentre la Riva e la Wallis sfidano la tsunamica Naomi Watts (The Impossible), Jennifer Lawrence (Silver…) e l’eroica cacciatrice di Bin Laden Jessica Chastain (Zero Dark Thirty).

Viceversa, tra i non protagonisti spiccano la candidatura di Robert De Niro, 21 anni dopo Cape Fear, e quella di Anne Hathaway: non è record, ma in Les Mizrecita solo per sei minuti, buoni per cantare una I Dreamed a Dream strappalacrime.

Ma che Oscar si profilano? Se l’Italia si consola con il solito compositore Dario Marianelli per Anna Karenina, a contendersi la statuetta del “Best Picture” troviamo di tutto: George Clooney produttore per Argo, due film indipendenti (Beasts e Amour), due Weinstein (Django e Silver) e un inglese (Les Miz), campioni d’incassi come Lincoln (145 mln negli Usa) e Vita di Pi (392 milioni nel mondo) e due “poveretti” come Zero Dark Thirty (5 mln) e il film di Haneke (340 mila dollari oltreoceano). Scelte ecumeniche, dunque, ma c’è chi rimane fuori: Lo Hobbit di Peter Jackson, solo tre nomination tecniche, e The Dark Knight Rises di Christopher Nolan, addirittura a bocca asciutta. Va meglio, decisamente, per Skyfall, lo 007 più remunerativo (oltre un miliardo di dollari al botteghino) e più nominato agli Academy Awards di sempre: cinque statuette potenziali, tra cui quella per l’omonima canzone di Adele.

Se il cielo di Bond cade, viceversa, quello di Hollywood segna sereno stabile: il 2012 si è chiuso con un record d’incassi (quasi 11 miliardi di dollari) e la griglia di partenza degli Academy Awards illumina un’annata ottima anche per qualità. Già, l’imbarazzo della scelta può essere decisamente imbarazzante: The Master non prende né film né regia, la Bigelow si ferma a metà, e potremmo continuare. È l’Academy, bellezza?

Il Fatto Quotidiano, 11 gennaio 2013

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elio Petri, un libro sul regista de La classe operaia: “Anticipò l’Italia di oggi”

next
Articolo Successivo

Mariangela Melato, un carisma cocciuto che non lascia eredi

next