Secondo il bilancio annuale di Reporter senza frontiere, nell’anno più sanguinoso dal 1995 per gli operatori dell’informazione, nel 2012 in Siria sono morti 17 giornalisti professionisti e 44 citizen journalist, testimoni indesiderati delle atrocità commesse nel corso del conflitto.

A questi numeri devono essere aggiunti quelli dei giornalisti professionisti e dei citizen journalist in carcere, rispettivamente almeno 21 e 18.

Proprio a un giornalista siriano, Mazen Darwish, è stato conferito il Premio per la libertà di stampa 2012 di Reporter senza frontiere, Le Monde e TV5Monde. Mazen Darwish, presidente del Centro siriano per i media e la libertà d’espressione, è in isolamento in un carcere segreto dal 16 febbraio di quest’anno. Le autorità siriane si rifiutano di rivelare dove sia detenuto e di portarlo di fronte a un giudice. Non gli è consentito avere contatti con familiari e avvocati.

Per evitare di essere imprigionati dai servizi segreti o uccisi dai soldati fedeli al presidente Bashar al-Assad oppure di venire rapiti e uccisi dall’opposizione armata, decine di giornalisti hanno lasciato la Siria. Alcuni hanno avuto il coraggio di defezionare pubblicamente, come la famosa presentatrice televisiva Ola Abbas. Altri continuano a rimanere al loro posto, negli organi d’informazione controllati dal governo.

Il clima di paura e paranoia che si respira in quelle redazioni lo hanno descritto a Parigi il 28 dicembre, nel corso di una conferenza stampa, gli ultimi tre giornalisti fuggiti dalla Siria: Kamal Jamal Beyk, Lama al-Khadra e Baddur Abdul Karim, rispettivamente direttore dei programmi, capo redattrice della politica e capo redattrice della cultura di Radio Damasco

I tre giornalisti hanno maturato la decisione di fuggire durante l’estate, dopo l’assassinio di un loro amico e collega, Mohammed al-Said, rapito e ucciso da al-Nusra, una formazione di estremisti islamici dell’opposizione armata. Dopo aver trascorso un periodo in Libano, prima di Natale sono arrivati a Parigi, grazie all’assistenza del governo francese.

“Il nostro compito era uccidere con le parole” – ha sintetizzato Lama al-Khadra. “È difficile indossare sempre una maschera, pensare e parlare come gli uomini del regime. Ci limitavamo a denigrare l’opposizione e a riprendere i lanci della Sana“, l’agenzia di stampa nazionale.

“Ci minacciavano, comprese le nostre famiglie. I servizi segreti mi hanno interrogato tre volte” – ha spiegato Kamal Jamal Beyk.

Per Baddur Abdul Karim, “lavorare nei media di stato in Siria era come stare in una prigione invisibile. Non eravamo più giornalisti: alcuni stavano dalla parte del regime e non lo nascondevano affatto, altri restavano zitti perché non avevano altra scelta”.

Jamal Beyk ha raccontato dei corsi di formazione tenuti da ‘esperti di comunicazione iraniani’ e dei premi conferiti ai giornalisti che dimostravano maggiore zelo ed entusiasmo per il governo, consistenti in viaggi in Libano per seguire stage nella redazione dell’emittente satellitare al-Manar di Hezbollah. 

A Parigi, Kamal Jamal Beyk, Lama al-Khadra e Baddur Abdul Karim intendono lavorare al progetto di un’emittente radiofonica che dovrebbe costituire, nelle loro parole, “l’embrione di un nuovo modello di servizio radiofonico pubblico dopo Assad”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nigeria, 15 cristiani sgozzati nel sonno. “Sono stati i fondamentalisti islamici”

prev
Articolo Successivo

Usa, Hillary Clinton ricoverata d’urgenza per trombosi. “Monitorata per 48 ore”

next