I figli del boss Bernardo Provenzano hanno presentato un esposto contro l’ex Procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia e l’avvocato generale dello Stato ed ex Procuratore aggiunto Ignazio De Francisci. Angelo e Francesco Paolo Provenzano nell’esposto denuncia, presentato al Procuratore nisseno Sergio Lari, competente per le denunce contro i magistrati di Palermo, denunciano la “violazione del segreto istruttorio dopo la pubblicazione dell’articolo sul Fatto quotidiano dello scorso 5 giugno con il contenuto dell’interrogatorio di Bernardo Provenzano con i due magistrati”, cioè cinque giorni dopo l’interrogatorio avvenuto nel carcere di Parma in cui Ingroia e De Francisci avrebbero tastato il polso al capomafia per chiedergli se voleva collaborare con la giustizia. Non solo. Nell’esposto i due figli di Provenzano, tuttora in coma dopo un intervento al cervello per un ematoma, denunciano anche il “falso ideologico e reato omissivo”.

L’esposto è allegato a un altro esposto presentato dai legali di Provenzano, Rosalba Di Gregorio e Franco Marasà, al Procuratore generale presso la Corte di Cassazione in cui i due legali ricordano denunciano l’interrogatorio fatto il 31 maggio in assenza dei due avvocati di Provenzano. I due pm parlarono in quell’occasione di avere ascoltato Provenzano come persona informata dei fatti. Ma i due legali non hanno digerito quella visita a sorpresa dei magistrati. Nell’esposto gli avvocati hanno anche aggiunto l’ordinanza del gup Piergiorgio Morosini in cui il magistrato ‘bacchetta’ Ingroia e De Francisci per avere interrogato Provenzano come indagato nell’ambito dell’inchiesta sulla trattativa Stato-mafia, quindi era necessaria la presenza dei legali. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Roma, Pannella dovrà risarcire ex segretaria: oltre 250 mila euro

next
Articolo Successivo

Direzione nazionale antimafia, ridate quel posto a Caselli

next