Spassoso show tenuto da Roberto Benigni in occasione del suo ritorno in Rai per celebrare la Costituzione Italiana in un monologo dal titolo “La più bella del mondo”. Nello spettacolo, che si è tenuto al Teatro 5 di Cinecittà, appena ristrutturato dopo il recente incendio, il comico toscano ha esordito dedicando il suo tributo satirico alla “discesa in campo” di  Berlusconi. “L’italia sta passando un periodo difficile” – ha affermato Benigni – “Tra poco è Natale ma a dicembre abbiamo avuto due notizie catastrofiche: una è che tra quattro giorni è prevista la fine del mondo, ma vabbè. L’altra, davvero terrificante” – ha continuato – “è che tutti gli Italiani vogliono andare in pensione ma ce n’è uno che ci potrebbe andare e non c’è verso di mandarcelo. S’è ripresentato, Signore pietà!”. L’attore ha poi descritto la surreale intervista rilasciata dall’ex premier a Barbara D’Urso: “Prima di lui c’era una famosa pornostar e lo zio del delitto di Avetrana. Sta cercando di mettere insieme i moderati“. Benigni ha anche analizzato il mirabolante passaggio di Berlusconi “dalle primarie al primario”. E, prima di addentrarsi nella spiegazione della nostra Costituzione, ha recitato un divertente racconto sulla situazione politica italiana nel Medioevo e sulle sue incredibili somiglianze con quella contemporanea

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, Cdm: “Firme dimezzate per partecipare a Politiche. Lazio riveda data voto”

prev
Articolo Successivo

Primarie Pd, prove di democrazia dal basso. Ma i “nominati” saranno oltre 100

next