Inizio oggi una rubrica all’interno di questo spazio online che Il Fatto mi concede: “RegimeTv”.
Dati, analisi e riflessioni su quello che ancora oggi è il medium attraverso cui la maggioranza degli italiani decide le proprie scelte di voto, sebbene negli ultimi anni sia cresciuto il ruolo della Rete e dei social network.

Il 98,8% degli italiani guarda la televisione, l’84% ascolta la radio, il 62% usa Internet, il 45,5% legge i quotidiani. Questa la fotografia del Paese, naturalmente con differenze notevoli tra  fasce di età (consumo maggiore di internet e minore di quotidiani per i giovani), di scolarizzazione e di residenza.
Il 70% degli italiani forma le sue scelte politiche principalmente in base a quello che guarda in televisione, con una ripartizione che vede i telegiornali prevalere tra i meno scolarizzati, i pensionati e gli abitanti della provincia mentre i talk show influiscono sui più istruiti e sui residenti nelle città sopra ai 100 mila abitanti.
Il tutto con i conflitti di interessi e le lottizzazioni che son sempre lì.

Ma vediamo ora cosa è successo in occasione delle Primarie organizzate da Pd-Sel-Psi.
Secondo i dati forniti dal Centro d’ascolto dell’informazione radiotelevisiva diretto da Gianni Betto, tra il 1 gennaio e il 30 giugno 2012 il Partito democratico ha totalizzato il 16,5% degli ascolti che i telegiornali di Rai, Mediaset e La7 hanno riservato alla politica e il 21,4% degli ascolti dei talk show delle medesime emittenti. Tra il 1 settembre e il 30 novembre 2012, invece, lo spazio del Partito Democratico è stato del 21,3% sui tg e del 26,2% nei talk show: un aumento del 5% in entrambi i casi, con una concentrazione particolare nel mese di novembre e su RaiTre e La7.
Facciamo ora un passo indietro e uno di lato.
A giugno 2012, i sondaggi davano il Pd al 25,5% (Ipsos) o al 26,5% (Ipr marketing).

Secondo voi è possibile indovinare il dato del consenso elettorale del Pd dopo le Primarie in base all’esposizione mediatica? Proviamoci con una proporzione matematica, del tipo a : b = y : x.
Le percentuali tv gennaio/giugno sono “a”; i sondaggi di giugno sono “b”; le percentuali tv di settembre/novembre sono “y”;  il consenso elettorale dopo le primarie è “x”.
Se prendiamo come riferimento gli ascolti del Pd nei telegiornali e i sondaggi di Ipr marketing la proporzione viene così [16,5 : 25,5 = 21,3 : x]. Dunque, x (ovvero il consenso elettorale del Pd dopo l’esposizione mediatica delle primarie) dovrebbe essere pari al 34,2%. Se applichiamo la stessa regola ai dati relativi ai talk show,  x risulta uguale al 32,4%. Facendo la media tra i due dati, x è uguale al 33,3%.
Ebbene, sapete qual è il dato di consenso del Pd secondo il sondaggio Ipr Marketing del 27 novembre scorso? Esattamente il 33%, ovvero quanto avevamo previsto con la nostra proporzione.
Morale 1: tra presenze televisive e consenso elettorale c’è un rapporto direttamente proporzionale.
Morale 2: se il prodotto che vendi è avariato, puoi stare in tv quanto vuoi ma non serve a molto (lo confermano i sondaggi del Pdl che rimangono bassi nonostante la sovra rappresentazione televisiva). Le primarie, invece, sono state un’iniziativa che si è dimostrata un buon prodotto per rispondere alla domanda di politica.
Morale 3: se non proseguirà la sovraesposizione, il Pd inizierà a calare nei sondaggi
Morale 4: il caso del M5S, come i successi nei primi anni ’90 della Lega, meritano una spiegazione a parte.

Recentemente Ilvio Diamanti ha giustamente osservato come le primarie abbiano scosso l’intero sistema politico italiano, con effetti sul centrodestra e sul governo Monti.
Se rimaniamo nel campo televisivo, conseguenza diretta dell’aver “pompato” le primarie è aver regalato un “bonus” a Berlusconi. In una informazione che non rispetta le leggi, infatti, l’unica regola è il baratto: un po’ troppo a ciascuno conviene a tutti e due.

In questo caso il Berlusca dirà: per mesi avete occupato telegiornali e talk show con la storia delle primarie, vi hanno perfino creato uno speciale in prima serata con un format ad hoc che non è permesso a nessun altro, beh ora tocca a me. Consapevole di questo tesoretto è tornato in pista (e chissà se ci rimarrà). Speriamo prevalga la logica del prodotto avariato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Littizzetto, l’ultima notizia prima delle televendite

next
Articolo Successivo

#FattoTV. Tutto pronto (o quasi) per il debutto sul piccolo schermo

next