“Se nelle intercettazioni ci fosse stata la prova dell’innocenza di una persona, cosa sarebbe successo?” Se lo chiede Luigi De Magistris, che agigunge: “Perché queste conversazioni non si possono leggere? Perché le persone non dovrebbero saperlo?”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Travaglio: “I super poteri del capo dello Stato”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Mannino contro Ingroia: “Lei è un mascalzone”

next