L’indagine romana sulla infiltrazione di liberi professionisti in fallimenti “pilotati”, qui con l’aggravante fantasiosa dell‘invenzione dei creditori, ricorda un po’, nelle modalità ormai abusate, quelle dei falsi invalidi o delle tessere di partito intestate a defunti per raggranellare voti nei congressi.

Intorno alle procedure fallimentari dei Tribunali, cosi come agli altri incarichi affidati da questi a tecnici, ruota un’area grigia di professionisti – spesso senza titoli- i quali, forse con minoranze di giudici compiacenti (è una delle ipotesi al vaglio della procura di Roma), costruiscono operazioni border line sulla pelle di veri creditori. Cosi’ l’istigazione al fallimento diventa concreta, mercé l’occultamento di beni dell’attivo (come in questo caso), contro la cui assenza il creditore onesto nulla può fare per il recupero del quantum a lui dovuto.

A questo si aggiunga il riciclaggio di denaro sporco, proveniente da truffe, evasione fiscale e, perché no, dalla mafia. Quest’ultima trova varchi appetitosi nell’acquisto di beni o interi complessi aziendali in decozione, garantendo quella liquidità che manca alla procedura, facendo tutti “fessi e contenti”.

Gli ignari creditori vengono rimborsati, i professionisti compiacenti – sono tanti – ottengono laute provvigioni e, in più, i compensi previsti dalla legge e liquidati dal Tribunale. I veri professionisti ringraziano la Guardia di Finanza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sallusti, il direttore sarà giudicato con il rito abbreviato nel processo per evasione

next
Articolo Successivo

Sea, Procura di Milano apre inchiesta su mancata quotazione in Borsa

next