Scriveva il poeta maledetto Verlaine in Languore (1884):

Io sono l’Impero alla fine della decadenza,
che guarda passare i grandi Barbari bianchi
componendo acrostici indolenti in aureo stile
in cui danza il languore del sole.

Come nel più triste copione la decadenza di fine impero regala tristi racconti anche oggi. Stamane mentre a Milano come in molte altre città ci sono scontri anche violenti contro l’austerità, Formigoni, il Celestiale, si diverte. Anche io mi sono divertita per molte serate a prenderlo in giro su twitter. La sua passione infatti è iniziare a twittare da mezzanotte in poi, puntuale a quell’ora io gli chiedo di andare a dormire. Talvolta l’indignazione ha come sfogo l’ironia e lo spin doctor di Formigoni ne è cosciente, per questo ha ideato questa campagna ridicola e il concorso per assegnare il Formaglione, un maglione disegnato dal Celeste. Su twitter in molti l’hanno preso in giro e chiesto che anche a me venisse assegnato un premio per la mia costanza nel “tampinarlo”. Formigoni ha ceduto alla pressione e mi ha regalato stamane in diretta su Skype una “Forsciarpa” (con solo il 40% di cashmere, quindi è anche tirchio).

Durante  la risibile premiazione ho fatto presente a Formigoni che nel frattempo in giro c’era una cospicua protesta con scontri e cariche, protesta che coinvolge non solo l’Italia ma tutta l’Europa e che potete seguire con l’hashtag #14N. Lui si è difeso dicendo che non c’entra nulla con l’austerità perché quelle sono decisioni economiche che riguardano il governo. Gli ho ricordato che Milano è la sua città e che molti studenti e cittadini sono andati sotto il palazzo della Regione a chiedere le sue dimissioni. Gli ho chiesto quando si dimetterà e lui mi ha risposto: “MAI”. Ho fatto presente a Formigoni che stava regalando croissant come Maria Antonietta e gli ho ricordato che sono una psicologa. In quanto psicologa gli ho anche chiesto se la sua incapacità a dimettersi derivi da un blocco psicologico e lui mi ha risposto sorridendo e con le solite scuse. Per finire gli ho chiesto se ha intenzione di occupare abusivamente la Regione Lombardia come la Polverini sta occupando il Lazio ma a quel punto è caduta la linea e non mi è stato più possibile ricontattarli. Formigoni e i suoi spin doctor forse credono di essere furbi e di spostare sul casareccio e sulla risata trash quello che sta accadendo, compresi gli scandali, le indagini sulle collusioni mafiose in Lombardia, il caso Cl raccontato da Report con la puntata “ Il papa Re” etc.

Li vorrei rassicurare, noi possiamo farci anche una risata finché non si cade nel pecoreccio ma abbiamo memoria e non bastano ridicoli travestimenti mediatici per farci annebbiare le menti.

Aggiornamento del 15 novembre 2012, ore 10.20

Ricevo e pubblico la risposta di Roberto Formigoni che mi è stata inviata ieri. La mia controreplica la trovate nel mio account Twitter.

Gentile Signora Barbara Collevecchio, stamattina l’ho invitata a un gioco, pur sapendo che lei mi è fieramente avversaria. Pensavo stesse al gioco, visto che altrimenti poteva dire di no. Ho risposto a tutte le sue domande come il video dimostra, anche a quelle alle quali lei ripete, fingendo, di non aver sentito le mie risposte. Mi spiace che voglia vivere tutto con preconcetta contrapposizione.
Cordiali saluti.
Roberto Formigoni 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fisco, governo ko in commissione su immobili rurali

prev
Articolo Successivo

Montanelli, Risi, Sartori, Merlo… e Grillo

next