“La composizione della giunta siciliana perché il presidente Crocetta non ha la maggioranza. Io spero che non si inizi la ricerca di voti e compromessi, ma si vada avanti su una linea che è la linea programmatica di Crocetta (Pd) che dovrà chiamare all’appello chi ci sta”. Roberto Rao, portavoce del leader Udc Casini ed oggi parlamentare del partito dello scudo crociato, fa il punto sulla composizione della Giunta siciliana alle telecamere de ilfattoquotidiano.it. Per Rao: “Non è un problema di di assessori Udc, né di numeri, ma di scegliere assessori capaci, che possono essere o meno consiglieri regionali tecnici, ma questo dovremo sceglierlo insieme al presidente Crocetta”. Se spuntasse un assessore grillino? “Noi abbiamo chiesto che i grillini e il M5S venga coinvolto nel governo, perché vogliamo sfidarli a governare oltre che a distruggere, ma abbiamo anche qualche aspettativa, siccome ne conosco diversi – confida Rao – e sono persone capaci che potrebbero dare il loro contributo, chiudersi nell’Aventino non serve a niente – conclude Rao – né a loro né a noi”  di Manolo Lanaro e David Perluigi 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fornero: “L’orto è fonte di soddisfazione personale”

prev
Articolo Successivo

Sarà Beppe il nostro Mao?

next