Bush sbaglia e vota per Obama, l’ex presidente confuso dall’elettronica”: è stato questo il titolo di uno degli articoli di Repubblica.it, finito di diritto nella sezione dedicata ai risultati delle Elezioni Usa, e tolto in seguito quando qualcuno si è reso conto dell’incidente. Peccato che fosse la trovata di un giornale satirico, che i giornalisti del quotidiano italiano non hanno riconosciuto come tale.

Nel pezzo si legge che l’ex-presidente George W. Bush sarebbe stato confuso al momento del voto dalle scritte sullo schermo. Giunto al seggio di Crawford in Texas, una giornalista del Waco Time avrebbe visto l’ex-presidente Bush votare clamorosamente per Obama. Dopo un primo momento di smarrimento, l’ex presidente repubblicano avrebbe protestato e chiesto di ripetere la votazione, ma la legge non gliel’avrebbe permesso. Suzanna Everett lo avrebbe aspettato fuori dal seggio e alla domanda: “È vero che ha votato Obama per errore?”, Bush si sarebbe scagliato contro l’incompetenza di chi ha progettato le cabine di voto, annunciando il suo impegno per una profonda revisione del sistema elettorale americano.

 Tutto clamorosamente epico, se non fosse una bufala architettata dal The Daily Currant che nella sezione “About” scrive espressamente: “Il Daily Currant è un giornale satirico in lingua inglese. Le nostre storie sono puramente fittizie. Tuttavia, hanno lo scopo di affrontare i problemi reali attraverso la satira”. Chi ha detto che la satira è morta?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Le elezioni Usa in Tv (2): chi sa di cosa sta parlando?

next
Articolo Successivo

La prostata di Grillo e il punto G della Salsi

next