Non condivido quanto ha scritto qualche giorno fa Paolo Flores d’Arcais nel suo articolo “Matteo Renzi è pessimo, e quindi lo voterò”. E nonostante tutti i miei amici e amiche di sinistra siano contrari al personaggio pop, a me Matteo Renzi piace, e parecchio.

Mi piace perché sembra uno a cui puoi dare del tu e quando gli parli del tuo lavoro, capisce di cosa si tratta sul serio. Mi piace perché parla la mia stessa lingua, ed è la prima volta che un candidato alla guida del Pd ha la mia età, e chissà magari anche un po’ il mio universo culturale di riferimento.

Mi piace perché si è circondato di persone che stimo a partire da Giuliano da Empoli, suo assessore alla cultura e ora persona di fiducia, che ha creato il programma, e anche Giorgio Gori, che è facile dargli addosso – lo sapete che nel backstage della tv lo chiamano the snake? – ma che è uno degli uomini più lucidi della comunicazione italiana.

Mi piace perché è un bravo oratore e sta migliorando in modo tangibile: da due anni ho seguito la sua accresciuta attitudine al confronto, la sua spontaneità e la sua duttilità, nei confronti dell’interlocutore. Per non parlare dei discorsi pubblici: l’avete visto il discorso fatto a Torino? Un’ora e undici minuti di filato, e si ascolta bene anche su internet. Altro che format video che funzionano: è la dimostrazione che se qualcuno dice qualcosa d’interessante, lo segui.

Infine mi piace perché ha avuto un percorso lineare e coerente: lo ricordo 4 anni fa, a Roma, in un incontro organizzato da Francesco Soro dal titolo “Obama anche noi, la politica nell’era di Facebook” in cui all’Ara Pacis si è confrontato con Zingaretti sulla questione internet: mi era sembrato un briciolo più ferrato sul tema.

La questione vera, per una come me che si occupa di gender gap, è che il programma di Bersani è più forte sul tema. E nonostante Matteo mi piaccia di più, a me e al gentil sesso mio coetaneo, è difficile non storcere il naso quando leggi che la questione femminile è ridotta agli asili nido.

Scusa Matteo: ma con tutte le associazioni al femminile che si occupano di quote, violenza, discriminazione di genere, tetto di cristallo, tv, stereotipi e via dicendo, tu che fai: zitto? Suvvia!

Bersani fa una sacco di fumo con bei paroloni: “ci impegneremo per contrastare la violenza sulle donne e per promuovere con urgenza una legge contro l’omofobia”. E poi ancora: “crediamo nel futuro dei più giovani e delle donne. Non crediamo all’ottimismo delle favole”. E poi  “crediamo in una democrazia paritaria, nell’idea che autonomia e responsabilità delle donne siano essenziali per la crescita”.

Matteo, tu che hai fatto la giunta comunale pari e patta con le donne: che dici?

Io “adesso partecipo” pure  Twitter. Ma anche tu, snocciola qualcosa in più sui “grandi temi”!

PS: per approfondimenti sulle questioni di genere nei programmi dei candidati, ecco qui i riferimenti

Laura Puppato
Matteo Renzi
Pierluigi Bersani – c’è un pdf da scaricare
Non ho trovato  accenni alla questione femminile da parte di Niki Vendola

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Uomo-donna, riflessioni oltre una sterile guerra

next
Articolo Successivo

La violenza non si cura

next