Bisogna essere stupidi per non capire che la televisione è un sistema di potere che ha soffocato l’Italia. Ha imbavagliato l’informazione, ha fatto sparire la cultura, ha stordito le menti con i giochi a quiz a tutte le ore, ha imposto il modello del reality (cioè: sei qualcuno se sei falso e fai audience), ha fatto sparire dai tg i problemi del paese e – anzi – capovolge la realtà. In questo gioco di controllo e distrazione di massa ci sono anche i talk show a sfondo politico. Quei candidati del M5S che si ostinano a scendere nell’arena televisiva di format pilotati e manipolati, inseguono una visibilità all’interno di un contenitore che spesso si trasforma in una fogna. Perchè farsi del male?

Ho già spiegato in questo post perchè Beppe Grillo ha ragione a dire “non andate in tv”. E’ un suggerimento valido, soprattutto per i seguenti motivi:

1) il M5S usa il media del futuro, la Rete, che si basa sul modello di trasmissione “da molti a molti”, mentre la tv è la trasmissione “da uno a molti” (quindi se quell’uno è ad esempio Berlusconi, avremo l’imposizione di un modello di realtà falsato e menzognero).

2) I risultati stratosferici del M5S sono arrivati senza la televisione, che però ha il ignorato il programma del Movimento. Quindi a che serve andare in tv e nei talk show? A prendere più voti? No, affatto. Semmai i voti si perdono. E’ sifficiente che un poltico di professione, abituato alla menzogna, alzi la voce e impedisca al grillino di parlare, ripetendo una qualsiasi falsità in continuazione per farla percepire ai telespettatori come verità, e la trappola si chiude.

3) Il M5S torna a fare politica tra la gente. Incontri, riunioni, banchetti, volantini, colloqui in piazza, e infine i social network, la posta elettronica, i video su You Tube. E’ l’esatto contrario della poltica televisiva, basata sulle finte promesse e le bugie.

Ci vuole tanto a capirlo, secondo voi?

Seguimi anche su Enzodifrennablog.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra aperta al Corriere sul piano che spazza via la prima linea di manager

next
Articolo Successivo

Balconi elettronici

next