A leggere la scaletta dei brani musicali dello spettacolo Sulle mie corde, non si sa se è più il piacere della sfida, o il naturale proseguimento di una carriera d’artista a tutto tondo, ad aver portato Nerì Marcore sul palco del Teatro Duse a Bologna (martedì 30 ottobre, ore 21) per far riecheggiare le note di celebri brani del cantautorato tradizionale italiano come quelle di Fabrizio De André, Giorgio Gaber e Lucio Dalla.

Ci sono, infatti, Fiume Sand Creek e Crueza de ma del cantautore genovese, ma anche Felicità e Tu non mi basti mai dell’appena scomparso cantante bolognese; L’impotenza del compianto interprete milanese, e Labile e Notturno delle tre di Ivano Fossati appena ritaratosi dalle scene dei live. L’attore, imitatore e conduttore televisivo di origine marchigiana ha messo in scaletta anche qualche strofa più “contemporanea” anche se dagli accordi sono davvero ricercati e complessi come in Dietro la porta di Cristiano De Andrè, Piccola stella e Ho messo via di Ligabue, Strano che non ci sei di Pacifico. Senza dimenticare i classi stranieri come Baker Street di Gerry Rafferty e Shower the people di James Taylor.

Esecuzione classica con una band di sei elementi (Marco Caronna, Domenico Mariorenzi, Primiano Di Biase, Guerino Rondolone, Simone Talone, Alessandro Tomei) accompagnata in via eccezionale per la tappa bolognese, che è anche la serata inaugurale del ritrovato Duse di via Cartolerie, dell’Orchestra del Collegium Musicum Almae Matris composta da 26 elementi.

Una percentuale dell’incasso netto della serata verrà devoluto a una delle popolazioni colpite dal terremoto. Per informazioni e biglietti: 051 231836 – [email protected]

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Martinelli, Lavia, Brie, Orsini, Sieni: teatro e danza d’autunno in Emilia Romagna

prev
Articolo Successivo

Il documentario Modena, Italia, near Bologna, in anteprima al Teatro Segni

next