Il re dell’acciaio Mario Riva è accusato di evasione fiscale di 52 milioni. Il patron dell’Ilva, 86 anni, è un imprenditore milanese ultra-riservato, che partecipava spesso alle cene pre-elettorali di Berlusconi. Nel 1995 è entrato tra i grandi produttori mondiali di acciaio comprando dallo Stato l’Ilva, a Taranto. Ma Riva ha anche fabbriche siderurgiche all’estero e diverse società o scatole finanziarie in Lussemburgo. Il 75% della sua società capogruppo appartiene a una finanziaria lussemburghese e a due società di diritto olandese. Parliamo di paradisi fiscali, anche se non siamo alle Cayman. A fine luglio gran parte dell’Ilva di Taranto è stata sequestrata dalla magistratura per inquinamento e da allora Riva, accusato di disastro colposo, è agli arresti domiciliari. Lo Stato ha ceduto al privato l’Ilva dopo vent’anni di disastri, costati ai contribuenti oltre15 miliardi di euro di perdite, ma gli impianti dell’Ilva erano nuovissimi quando sono stati privatizzati e il grosso dei debiti, ammontanti a 7.000 miliardi di lire, sono rimasti sul groppone dello Stato

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renzi attacca D’Alema sul conflitto d’interessi

prev
Articolo Successivo

Ostinatamente contro Internet

next