Il re dell’acciaio Mario Riva è accusato di evasione fiscale di 52 milioni. Il patron dell’Ilva, 86 anni, è un imprenditore milanese ultra-riservato, che partecipava spesso alle cene pre-elettorali di Berlusconi. Nel 1995 è entrato tra i grandi produttori mondiali di acciaio comprando dallo Stato l’Ilva, a Taranto. Ma Riva ha anche fabbriche siderurgiche all’estero e diverse società o scatole finanziarie in Lussemburgo. Il 75% della sua società capogruppo appartiene a una finanziaria lussemburghese e a due società di diritto olandese. Parliamo di paradisi fiscali, anche se non siamo alle Cayman. A fine luglio gran parte dell’Ilva di Taranto è stata sequestrata dalla magistratura per inquinamento e da allora Riva, accusato di disastro colposo, è agli arresti domiciliari. Lo Stato ha ceduto al privato l’Ilva dopo vent’anni di disastri, costati ai contribuenti oltre15 miliardi di euro di perdite, ma gli impianti dell’Ilva erano nuovissimi quando sono stati privatizzati e il grosso dei debiti, ammontanti a 7.000 miliardi di lire, sono rimasti sul groppone dello Stato

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi attacca D’Alema sul conflitto d’interessi

next
Articolo Successivo

Ostinatamente contro Internet

next