Sul nuovo logo per Roma Capitale, risultato della consultazione indetta da Alemanno per rinnovare l’immagine di Roma intesa come brand, c’è poco da dire.

Qui le amare considerazioni dell’Art Directors Club Italiano, l’associazione che riunisce i più quotati professionisti della creatività pubblicitaria. Ma ovunque nel web è montata un’ondata di sdegno per quello che perfino studenti delle scuole di grafica hanno considerato un lavoro dilettantesco.

La giuria ha scelto il soggetto di un’agenzia torinese per: “…la forza del richiamo alla tradizione classica, evidente tanto nella ricca iconografia del capitello quanto nello slancio della colonna sovrastata da una stilizzazione della leggendaria Lupa”. Banale il logo, banali le motivazioni. Se brand doveva essere, siamo culturalmente lontani mille miglia da loghi che hanno fatto storia come quello di New York, disegnato da Milton Glaser. E adesso dite la vostra.

 

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Occupy n’drangheta: imprenditori di legalità in Calabria.

prev
Articolo Successivo

I sogni vengono da fuori

next