Sul nuovo logo per Roma Capitale, risultato della consultazione indetta da Alemanno per rinnovare l’immagine di Roma intesa come brand, c’è poco da dire.

Qui le amare considerazioni dell’Art Directors Club Italiano, l’associazione che riunisce i più quotati professionisti della creatività pubblicitaria. Ma ovunque nel web è montata un’ondata di sdegno per quello che perfino studenti delle scuole di grafica hanno considerato un lavoro dilettantesco.

La giuria ha scelto il soggetto di un’agenzia torinese per: “…la forza del richiamo alla tradizione classica, evidente tanto nella ricca iconografia del capitello quanto nello slancio della colonna sovrastata da una stilizzazione della leggendaria Lupa”. Banale il logo, banali le motivazioni. Se brand doveva essere, siamo culturalmente lontani mille miglia da loghi che hanno fatto storia come quello di New York, disegnato da Milton Glaser. E adesso dite la vostra.

 

 

 

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Occupy n’drangheta: imprenditori di legalità in Calabria.

next
Articolo Successivo

I sogni vengono da fuori

next