Alessandra Mussolini e Daniela Santanchè. Daniela Santanchè e Alessandra Mussolini. Sempre e solo loro, a giorni alterni, a canali alterni, a programmi alterni. La presenza delle donne di “destra” in tv sembra essere limitata alle due strabordanti signore. Stop. Come se a destra non ci sia anche solo un’altra donna capace di esprimersi pubblicamente in tv, magari senza urlare, dire parolacce, sbraitare e insultare.

Ieri, a DomenicaLive (programma inguardabile, a proposito), c’era la nipote del Duce a parlare, nella sua veste di presidente della commissione per l’infanzia, del caso del bimbo di Cittadella sottratto alla madre dalle forze dell’ordine con un blitz degno di una retata antimafia. Ebbene, la pacata presidente di commissione, che un paio di giorni fa è entrata di imperio nella casa-famiglia che accoglie il ragazzino, ora sta facendo il giro delle sette chiese televisive per raccontare ogni particolare di quella visita. Premettendo, ovviamente, che il bambino va lasciato stare, che non ha bisogno di troppa attenzione mediatica. Appunto. Ma tant’è.

La signora Garnero Santanchè, invece, ha dato solita prova di sé qualche giorno fa ad Agorà, su Rai Tre, attaccando con il consueto turpiloquio Marco Lillo, giornalista del Fatto, colpevole di averle posto semplicissime (e lecite) domande. E allora vien da chiedersi se dietro la scelta delle donne di centrodestra da mandare in televisione ci sia un chiaro progetto a perdere, un “ciapanò” della comunicazione politica che punta a mettere in cattiva luce l’universo femminile. Scherzi a parte, la questione è maledettamente seria. Non c’è davvero una donna di centrodestra capace e spendibile sui media? L’impresa, visti i criteri di selezione usati nel Pdl, non è semplice, ma non certo impossibile. A voi, ad esempio, viene in mente qualcuno?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nicole, la finta madre badessa che difende l’indifendibile: se stessa

prev
Articolo Successivo

Antonella Clerici, da monaca della tv a Milf

next