La Provincia di Parma finisce nel mirino della Procura della Repubblica. Un’indagine penale pende sull’operato dell’ente di piazzale Pace, anche se ancora non è chiara l’ipotesi di reato. L’unica cosa certa è che questa mattina la Guardia di Finanza ha fatto visita negli uffici della Provincia ducale.

Un blitz volto all’acquisizione e all’analisi di documenti e carte che potrebbero portare a individuare responsabilità. A darne notizia è stato l’ente provinciale, che ha chiarito che le Fiamme Gialle hanno effettuato “una visita ispettiva” che ha riguardato più specificatamente l’ufficio viabilità della Provincia.

In particolare, gli agenti del Nucleo di Polizia Tributaria di Parma hanno richiesto ai funzionari del settore di poter acquisire documenti e contratti per far luce su un’indagine penale in corso avviata dalla Procura di Parma, su cui per ora vige il massimo riserbo.

Secondo quanto riferito, gli agenti hanno chiesto di avere accesso alla documentazione relativa alla gara di appalto bandita dalla Provincia nel 2011 che riguarda, come spiega l’ente stesso, “l’aggiudicazione del servizio quinquennale di manutenzione invernale sulla rete stradale per lo sgombro neve e lo spargimento di sale disgelante”.

Nessun commento ulteriore è arrivato dall’ente provinciale, né dalla Procura, ma l’unica cosa certa per ora è che gli uffici della Provincia hanno messo a disposizione gli atti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bologna, sciopero contro Intesa Sanpaolo. 600 apprendisti a casa entro pochi mesi

next
Articolo Successivo

Matteo Garrone con Reality a Bologna: “Dopo Gomorra vi faccio ridere” (gallery)

next