C’è anche l’avvocato Giulia Bongiorno nella lista depositata dall’azionista di maggioranza della Juventus, la Exor (tramite la quale la società bianconera è controllata dalla famiglia Agnelli), per il consiglio d’amministrazione e il collegio sindacale. Un elenco stilato in vista dell’assemblea degli azionisti in programma il 26 ottobre.

Questa la lista depositata dall’azionista Exor: Camillo Venesio (amministratore indipendente), Andrea Agnelli (che attualmente è il presidente della Juve), Maurizio Arrivabene (amministratore indipendente), Giulia Bongiorno (amministratore indipendente), entrambi nuovi candidati. E ancora: Paolo Garimberti (amministratore indipendente), Assia Grazioli-Venier (amministratore indipendente), Giuseppe Marotta (direttore sportivo della Juve), Aldo Mazzia, Pavel Nedved (anch’esso dirigente bianconero e indimenticato campione in campo fino a qualche anno fa) ed Enrico Vellano. Per la carica di sindaco effettivo Paolo Piccatti, Silvia Lirici e Roberto Longo. Per quella di sindaco supplente: Roberto Petrignani e Nicoletta Paracchini.

Il nome che fa rumore, come detto, è quello di Giulia Bongiorno. Proprio l’avvocato (e parlamentare) è stato l’asso che la Juventus ha usato nel processo contro Antonio Conte per i presunti illeciti sportivi, emersi durante le inchieste sul calcioscommesse e legati al suo passato al Siena, ma che stanno avendo effetto ora, dopo che la Corte federale della Figc ha squalificato l’allenatore bianconero per 10 mesi. Proprio domani è atteso l’esito del ricorso che la Juve ha fatto davanti al Tnas, il tribunale nazionale di arbitrato per lo sport per un tentativo di conciliazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Barcellona Fc invita il soldato israeliano Shalit. Il palestinese Sarsak dice no

next
Articolo Successivo

Roma in crisi e sconfitta dalla Juve. E la società non investe su sè stessa

next