L’Italia ha scelto il film da candidare agli Oscar. E’ Cesare deve morire dei fratelli Taviani. Ancora una volta una scelta a perdere, dunque, per una cinematografia nazionale che pare non abbia più molto da dire. Basti pensare che si è scelto di candidare alla statuetta il film di due registi che, insieme, hanno 164 anni, in totale controtendenza rispetto alle ultime tredici edizioni degli Oscar (dal 2000 a oggi) che hanno visto sempre premiati, eccetto una volta, film di registi “giovani”.

2012: Una separazione di Asghar Farhadi (40 anni)
2011: In un mondo migliore di Susanne Bier (51 anni)
2010: Il segreto dei suoi occhi di Juan José Campanella (51 anni)
2009: Departures di Yōjirō Takita (54 anni)
2008: Il falsario di Stefan Ruzowitzky (47 anni)
2007: Le vite degli altri di Florian Henckel von Donnersmarck (34 anni) 
2006: Il suo nome è Tsotsi di Gavin Hood (43 anni)
2005: Mare dentro di Alejandro Amenabar (33 anni)
2004: Le invasioni barbariche di Denys Arcand (63 anni, il più “vecchio”)
2003: Nowhere in Africa di Caroline Link (39 anni)
2002: No Man’s Land di Denis Tanovic (34 anni)
2001: La Tigre e il Dragone di Ang Lee (47 anni)
2000: Tutto su mia madre di Pedro Almodovar (51 anni) 

Detto questo, riusciamo a cominciare un dibattito serio sul cinema italiano? Non solo sulla qualità, però. Ma anche, e forse soprattutto, sul sistema che lo governa e sui criteri discutibili con cui viene selezionato ogni anno il film che ci rappresenterà agli Academy Awards. Visto che giochiamo sempre a perdere, chiediamoci perché e agiamo di conseguenza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Premio Oscar: l’Italia ha scelto il migliore

next
Articolo Successivo

“Appartamento ad Atene”: l’ambiguità di una famiglia ostaggio dei nazisti

next