La differenza di rendimento tra le obbligazioni statali di Italia e Germania continuerà a restringersi, secondo le indicazioni dei grafici dei due decennali. Sul mercato azionario potrebbe essere arrivato il momento di preferire l’Europa agli Stati Uniti. La Germania non ha ragione di preoccuparsi dell’inflazione, l’offerta monetaria rimane fredda. L’operazione Ltro della Banca centrale europea è riuscita a schermare le banche dal rischio sovrano.

Gaetano Evangelista – Amministratore unico di Age Italia a Bari: “Gli investitori sono in una fase di assunzione di rischio che comporta il calo dei differenziali di rendimento e il rialzo dell’azionario, nell’immediato è probabile che i mercati digeriscano i progressi degli ultimi tre mesi ma lo scenario rimane favorevole fino a fine anno”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Btp, successo per l’asta del Tesoro: 4 miliardi collocati, tassi giù al 2,75%

next
Articolo Successivo

Due banche centrali a confronto

next