Antonio Di Pietro prova a mediare nella diatriba tra Giovanni Favia e Gianroberto Casaleggio che sta dilaniando al suo interno il Movimento 5 stelle. Il capo dell’Italia dei valori, ospite di “Un caffè con…” in onda su Sky tg24, prima difende il giovane consigliere regionale: “Favia è stato eletto in Emilia Romagna dai suoi elettori, non da Casaleggio”. Un colpo al cerchio e uno alla botte e difende anche il braccio destro di Beppe Grillo: “Io conosco Casaleggio, è una bravissima persona, onesta, perbene e paga le tasse rispetto a tanti altri. Così come conosco Favia che è una persona perbene e si confronta con i cittadini”.

Poi l’ex magistrato di Mani pulite che già tempo fa, staccatosi da Pierluigi Bersani cerca una sponda nel movimento del comico genovese, riempie di lodi i 5 stelle: “Io credo che quando ci sono milioni di cittadini che si ribellano fino a dare un voto di protesta bisogna dare delle risposte. Allora l’Idv invece di criticare Favia o Casaleggio, conoscendoli entrambi, ha ampio rispetto per entrambi perché li ritiene brave persone che cercano di rappresentare un mondo che sta protestando contro chi ha rovinato il paese”.

Poi di Pietro conclude: “Hanno la mia solidarietà. Io so bene che i cittadini sono arrabbiati, ma quando il cittadino è esasperato bisogna risolvere i problemi”. Allora, conclude, “se la prossima volta in parlamento, oltre che l’Idv, ci saranno anche una parte di grillini tanto meglio”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ciolini, la P2 e l’eliminazione di Licio Gelli

prev
Articolo Successivo

Dopo Delrio anche Dosi scarica Pizzarotti: “Parma si tenga i suoi rifiuti”

next