Il mio è un duplice appello.
Un appello a Giorgio Napolitano per un gesto di sostegno e pacificazione verso i magistrati impegnati da anni per raccontare chi uccise e chi tradì Paolo Borsellino.
Un gesto all’altezza di una Presidenza della Repubblica che voglia realmente verità e giustizia su quelle stragi e che sostenga questa ricerca nel nome del Popolo italiano.

Presidente ritiri il ricorso alla Consulta, abbandoni giureconsulti e consulenti interessati, torni a parlare il linguaggio diretto di cui è capace,vada a Palermo e Caltanissetta  a incontrare i magistrati  o li convochi al Quirinale e ridia loro sostegno pieno e fiducia.

Lo faccia per Paolo Borsellino e lo faccia per una idea di Giustizia mille volte più importante, nel declino della Nazione, di mille retorici richiami a prerogative intoccabili e che nessuno mette in discussione.
Lo faccia subito e lo faccia in nome del popolo italiano.

E in nome del Popolo Italiano,il Presidente del Consiglio Mario Monti recuperi credibilità, dopo le parole gravi e superficiali degli ultimi giorni, con l’unico atto, doveroso e lineare, possibile: la costituzione di parte civile da parte del Governo italiano nel processo che si aprirà a Palermo nei confronti di uomini delle istituzioni infedeli, accusati di aver condotto la trattativa che è costata la vita a Paolo Borsellino e agli altri servitori dello Stato caduti nelle stragi del ’92.

Un unico appello per due atti che ridarebbero fiducia nello Stato e risposta alla domanda prepotente di verità e giustizia che milioni di cittadini italiani attendono.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La trattativa spiegata ai media stranieri: “Nessun complotto del Fatto”

next
Articolo Successivo

Lavitola, Cassazione: “Accertare se reato è stato commesso in Italia”

next