Si può trovare nel sapone per le mani, nel dentifricio o nei colluttori, è il triclosano. Una sostanza chimica utilizzata in centinaia di prodotti per le sue ottime proprietà antibatteriche. Ora uno studio ha dimostrato, su topi e pesci, che questo composto può provocare gravi problemi muscolari e dovrebbe essere usato con cautela. Infatti compromette anche la contrattilità del cuore e dell’apparato muscolo scheletrico.

Già altri studi avevano evidenziato come la formula chimica del triclosano è molto simile alla diossina, un composto cancerogeno sprigionato dalle industrie pesanti. A rivelare i pericoli per chi sua i prodotti che contengono il triclosano è lo studio della UC Davis School of Veterinary Medicine (Usa) pubblicato sulla rivista ‘Proceedings of the National Academy of Sciences’. I ricercatori hanno esposto alcuni topi e pesci a livelli di triclosano equivalenti a quelli che le persone possono ricevere tutti i giorni utilizzando saponi o dentifrici, ed hanno verificato che la forza muscolare era ridotta e a subire danni era anche la funzione cardiaca. “Il triclosano si trova in casa praticamente ovunque – spiega al ‘Telegraph’ Isaac Pessah, autore dello studio – i nostri risultati forniscono una forte evidenza che questa sostanza chimica è una fonte di grande preoccupazione per la salute umana e ambientale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salute, cioccolato alleato del cervello che invecchia. Migliora funzioni cognitive

next
Articolo Successivo

Farmaci, l’1,3% dei ricavi nella ricerca Il resto per produrre inutili repliche

next